titolo

Emme

Se è lei ad avere due fidanzati

Hai 17 anni e i tuoi scoprono che frequenti due ragazzi contemporaneamente. La loro reazione? Importi la clausura. Eppure con tuo fratello...

Cara M,
sono una ragazza di 17 anni che frequenta il liceo artistico.
Ho una famiglia normale, mamma, papà e un fratello maggiore, più grande di 4 anni.
Mio fratello frequenta l'università ed è quello che viene definito "sciupafemmine": l'anno scorso aveva contemporaneamente due ragazze. E mio padre ne era talmente orgoglioso da raccontarlo a parenti e amici.
Due settimane fa un genitore di qualche mio compagno di scuola ha raccontato ai miei che "me la faccio" con 2 ragazzi della scuola. Beh, apriti cielo! I miei mi hanno fatto un interrogatorio stile Montalbano e di fronte alla mia candida ammissione di colpevolezza hanno fatto scenate che neanche nel medioevo: mia madre non ha mai smesso di piangere da allora, mio padre ha l'espressione di chi ha perso un figlio prematuramente e io da quel dì sono in punizione senza possibilità di uscire di casa se non per andare a scuola.
Ora, di là dalla differenza di trattamento tra me e mio fratello, ti chiedo: come ne esco? Mi faccio rinchiudere in convento? Scappo in Olanda? Prometto che non farò più sesso fino al giorno delle mie nozze?
Grazie di Cuore
S.

Cara S,
ho riso molto immaginando Nicola Zingaretti che suggerisce ai tuoi genitori le domande per farti confessare.
Un po’ meno quando ho letto della clausura che ti hanno imposto.
17 anni sono un’età meravigliosa, un maschio alla volta, decisamente troppo pochi per sfruttare la punizione scrivendo la versione 2.0 de “Le mie prigioni”.
Quindi visto che di Monaca di Monza ne abbiamo avuta già una (e la poveretta aveva una vita sentimentale invidiabile rispetto a molte di noi) devi ribellarti. Con metodo.
Un po’ alla Gandhi per intenderci.
Quindi no alle scenate da drama queen, no ai tentativi di fuga lanciando la treccia dalla torre sperando che uno dei tuoi due pretendenti si arrampichi per liberarti.
Mentre sei li nella tua cameretta a contarti le dita, medita su chi dei due pretendenti ti piace di più.
Avvicina il più morbido dei tuoi genitori mentre è di buon umore (io ho passato un’estate in Inghilterra grazie ad una Coppa Campioni del Milan, per dire…)e raccontagli perché ti piace Coso.
Spiega con una punta di melò che la punizione ti è utile, che hai capito che non si frequentano due maschi alla volta, che già uno è un bell’impegno e vuoi fare le cose per bene con Coso.
Ti diranno di no.
Tu metodicamente attaccherai questa litania del tuo amore per Coso una volta ogni due giorni.
Ogni volta lo amerai sempre di più.
Tempo tre settimane e sarai libera di andare al cinema con Coso almeno un pomeriggio alla settimana.
Che ne sarà dell’altro? Che per comodità chiameremo Coso2?
Cara S. non scherzavo quando dicevo che 17 anni sono un'età meravigliosa, un maschio alla volta.
A 17 anni il tuo grande amore sei tu, e questo non te lo devi scordare per gli anni a venire. Hai l’età in cui si crede di sapere tutto, e si imparano le cose importanti, per questo mi permetto di provare a fartene capire una.
Uno alla volta non vuol dire perdere delle occasioni, vuol dire scegliere e fare le cose per bene.
A tuo fratello questa cosa non importa, lui è maschio, e si perde il meglio!
Forza!

Hai una domanda per Emme? Scrivi a: postadelcuore@deabyday.tv

Credit: viperagp Fotolia.com

Emme risponde...

SEGUICI