titolo

Emme

Credere (ancora) all'amore si può

Quando i 20 anni sono un lontano ricordo scivolare nel cinismo è quanto di più facile possa capitare... Ma non dimentichiamo che la vita (e l'amore) è imprevedibile.

Cara Emme,
Da un anno non bacio nessuno, e non perché l’ultimo fosse indimenticabile, solo che sono stanca delle false partenze, di quelli che “non sono pronto” e poi quella dopo la sposano, di chi se ne frega del mio cervello e pretende che a quasi 40 anni io abbia il fisico di quando ne avevo 20. Comincio a pensare che questo Amore sia una fregatura. Peggio, uno cosa non per tutti. E inorridisco all’idea.
F.
 

Cara F.
non ti racconterò favole, sono sicura che tu sia troppo consapevole, un inno all’amore con te sarebbe utile quanto una tisana detox dopo aver mangiato un chilo di gelato usando il cucchiaio da minestra.
Che l’amore sia difficile già lo sai, che molti uomini ci scambino per dei take away di emozioni pure.
Quindi mi concentrerò su quella piccola variabile fatta di cose che non puoi sapere.
Mi spiego meglio. Tu puoi avere tutto chiarissimo, sapere che non vuoi mezzi uomini, che nei jeans di quando avevi 20 anni se diventi un’adepta del crossfit ci puoi anche rientrare, ma non ti scalderebbe il cuore e legittimamente ti piaci così.
C’è però una percentuale di imprevedibilità nella vita di tutti.
Nel mio caso è in gran parte tragicomica, ma mi ricorda che non posso sapere tutto e che quindi tanto vale sperare che l’imprevedibile che capita per forza possa anche essere roba buona.
Ieri sono stata in una fattoria. Io sono una che quando vede tre alberi di fila sente la mancanza di un palazzo. Sono fatta per la città.
La natura come l’amore mi fa un po’ paura.
Mentre stavo lì, seduta su una panca di legno, a tre metri da me è crollata una piramide di balle di fieno. Lente e pesantissime.
Certo il primo pensiero è stato grazie Paolo Fox che mi hai messo seconda nella classifica dei segni zodiacali questa settimana altrimenti sarei stata sotto la piramide e non a 3 metri a guardarla con aria saputa.
Il secondo è più razionale ragionamento è stato: era imprevedibile.
E mi sono sentita improvvisamente bene. Mi sono ricordata che ci sono cose che non immagineremmo mai che arriveranno nella nostra vita e visto che non ero morta sotto le balle di fieno da un quintale, ho ringraziato il mio tragicomico destino per il remind.
F. so che fa girare le palle a elica, ma puoi fare solo una cosa, stare bene per te stessa e contare sul fatto che c’è una percentuale di imprevedibile che potrebbe anche portarti qualcuno di bello da baciare e molte altre cose buone.
Accanirsi non serve. Mantieni il tuo sguardo obiettivo sulle cose, ma non farti sopraffare dal disincanto.
Quelli che non credono in Babbo Natale vedono solo ciccioni attempati con la barba bianca.
Anche per l’amore servono occhi un po’ fantasiosi. O vedrai solo cesse fidanzate con uomini bellissimi e coppie che nemmeno Noè avrebbe preso sull’Arca limonare a più non posso.
Cambia lenti. Mettici un po’ di fantasia e andrà meglio.
In psicologia c’è una cosa che si chiama profezia che si auto avvera. Le persone un po’ ciniche tendono ad applicarla solo al negativo. Si ripetono cose tipo “Oggi sarà una giornata orrenda” o “Vuoi vedere che non mi chiama?”.
Insomma si tifano contro perché avere ragione e aspettative basse fa meno male.
Alza la posta F.
Non ti chiedo di diventare PollyAnna che rideva anche sulla sedia a rotelle, sappiamo tutte che nel suo caso era la droga, ma ti suggerisco di pensare che non puoi sapere sempre quello che succederà.
Lascia un pezzettino di prospettiva al caso.
Andrà meglio.
Io per esempio non sono stata travolta da una valanga di fieno.
Non è passato un fattore come Scott Eastwood col cappello da Cow Boy e la camicia scozzese, ma nemmeno quelli del pronto intervento.
E’ già qualcosa.

Hai una domanda per Emme? Scrivi a: postadelcuore@deabyday.tv

Credit: Jiri Hera- Fotolia.com

Emme risponde...

SEGUICI