titolo

Emme

Quando lui non ti cerca ma tu non sei triste

Siete usciti per un po', lui sparisce. E a te... non interessa nulla. E' grave? Sei forse "sbagliata"?

Cara Emme,
succede un fatto strano, pensavo di uscire con uno, di essere in quella fase in cui stai lì, a capire se e quanto uno ti piace, e invece e scomparso. E io NON SONO TRISTE.
E non so esattamente cosa fare. Dovrei scrivere? Dirgli che non si fa così? Che non è che si sta insieme e poi ti inghiotte la nebbia e boh.
E invece ogni instante non penso a lui, ma al fatto che non sono triste.
Che vorrà dire?
O.

Cara O.
vuol dire che finalmente il tuo cuore è un po' più forte, e questo è bene.
Significa che non basta il primo esperto in apparizione e sparizione a farti vagare per casa con la copertona scozzese in spalla e le guance piene di cioccolato tipo criceto, con due cellulari in mano, non per vedere se chiama, tanto non chiama, ma per chiamarti da sola e far partire la suoneria di "Hello" di Adele.
Significa, però, anche che quello stesso cuore è un po' più duro.
Quello che ti protegge dai "quaquaraquà" (ce ne sono eserciti, come in Star Wars, pronti a colpire) ti allontana in un certo senso anche dal bello delle cose.
Perché, per ogni millantatore che hai incontrato, hai costruito un piccolo muro intorno al tuo cuore.
E se è un bene non soffrire per dei bulimici affettivi, è un male non credere quasi più a nulla.
Quello che ti chiedo, cara O., è un esercizio difficilissimo.
Non essere triste. Ma, piuttosto, cerca di essere ancora FELICE.
Me la vedo la tua faccia, mentre leggi.
La conosco, credimi.
Non la faccio facile.
Chissà quanti ne hai sentiti che al terzo appuntamento straparlavano. “Potremmo andare qui!” “Dovremmo decisamente andare là!” E tu lì a pensare “Ah... ma non sarà prestino?” con il sopracciglio diffidente che ti fa un arco che nemmeno quello di Anna Tatangelo al primissimo Sanremo.
Ecco, in quell’esatto momento lì, ti chiedo O. di non gettare la spugna.
Ci sono 8 possibilità su 10 che sia un"quaquaraquà" ma ben 2 su 10 che sia una persona per bene. E 2 è un bellissimo numero. E’ da dove si parte per essere una gran cosa. Perché tesoro se non sei triste sei già all' 1. La parte grossa l’hai già fatta.
Forza!

Foto Credit © vladimirfloyd - Fotolia.com

Hai una domanda per Emme? Scrivi a postadelcuore@deabyday.tv

Emme risponde...

SEGUICI