titolo

Emme

Quando è lei a mantenere lui ...

Lui, l' "uomo muffa", se ne sta a casa a oziare. Mentre lei porta a casa lo stipendio. Anche questo è amore?

Cara Emme,
sto con il mio uomo da un anno, lo amo molto ma qualcosa scricchiola. Non lavora, per cui sono io a pagare affitto e bollette. Viviamo insieme dal nostro terzo appuntamento. Non lavora perché dice che il lavoro è costrizione. Lui è uno che ama la meditazione, dipinge ma non vende un quadro. Io gli regalo corsi ma lui è sempre di cattivo umore. Ogni volta che provo a dirgli di trovarsi un lavoro mi sbrana dicendo che lo voglio costringere ad una vita che lo strangolerebbe.
Eppure lo amo.
P.

Cara P. ,

non sei innamorata. Quell’uomo è una muffa che ti si è attaccata al cuore, ma adesso lo leviamo. Lo mandiamo ad abbracciare alberi e a dipingere paesaggi in una vita che non lo strangola, dove però le bollette le paga lui.
Tesoro, l’amore è dare e prendere in modo molto naturale. Mi dici che qualcosa scricchiola. Quello che senti sono io che mi avvicino con la grazia dell’ippopotamo di Fantasia sul vostro parquet per finire Mr. Muffa a cuscinate, mentre medita su quanto è dura la vita con una donna che ti ama e ti mantiene e osa dirti di concludere qualcosa.
No dico P. scherziamo? Io poi sarò anche sensibile al tema perché ho già avuto a che fare con lo scultore di ghiaccio con tatuaggio del Che a cui paghi le rate del frigo, ma tu non puoi e non devi farti infiocchettare da questo Osho de noialtri che ti usa come locandiera.
NO. NO. NO.
L’amore è dare e avere, te lo ripeto perché capisco che questo magari è un simil Johnny Deep dei tempi d’oro che dipinge in jeans strappati sporchi di tempera e gira per casa col capello un po’ selvaggio e l’occhio maledetto.
P. questo non vive nel 2015 e nemmeno in un romanzo come si deve, o stareste sempre tra le lenzuola e ti sbranerebbe lì, non quando chiedi lumi sul tempo massimo entro il quale lo devi mantenere dopo un anno.
Per quanto il bello e dannato piaccia, non va dimenticato che gira sempre con un accessorio: l’occhio di bue. Sempre e comunque puntato su se stesso. Oh è bravo. Lo punta benissimo. Una fotografia da Oscar. Ma poi P., questo sul red carpet va da solo. Tu NO. Sei in coda in posta a pagare le sue bollette.
Insomma P quest’uomo ti fa male. Accompagnalo alla porta e fai posto alle cose belle.
Non è bello sentirselo dire. Ma la verità rende liberi. Dopo averci fatto girare molto le balle.
Fai spazio nell’armadio ad un uomo che sa veramente come funziona l’amore, sono pochi ma ci sono.
Forza!

Foto Credit ©thinglass - Fotolia.com

Hai una domanda per Emme? Scrivi a postadelcuore@deabyday.tv

Emme risponde...

SEGUICI