titolo

Emme

Mi telefoni o no? Ecco perché lui non richiama più

Cosa fare quando lui non chiama più per fissare il secondo appuntamento?

Cara Emme,

perché non mi richiamano più? Ci esco una volta e scompaiono. Li cerco, rispondono, ma del secondo appuntamento nemmeno l’ombra. Mi trucco, mi pettino, faccio anche la simpatica. Le amiche dicono che non si fanno più sentire perché si vede che “ho bisogno”. Mi aiuti a capire?

G.

Cara G.,

Bisogno di che? Di amore? Trovami una che non ne ha. Anche la più incallita delle temutissime “tromba-amiche” (che sono creature mitologiche, si sappia) se le fai una carezza come si deve leva la maschera e svela l’innato desiderio di avere una persona vera accanto, non un figurante trovato su una App.

Cerchiamo tutte la stessa cosa, lo chiamiamo in mille modi, diciamo che siamo curiose, che guardiamo dal buco della serratura, che siamo annoiate, che non ci vogliamo impegnare, che non siamo pronte, che stiamo bene con mariti e mogli a casa … Ma intanto, chissà come mai, se il flirt fosse una specialità olimpica conquisteremmo sistematicamente il podio e senza bisogno del doping. Perché? Perché se abbiamo fortuna ci potrebbe capitare l’amore.

Non andrò per il sottile, non ti richiamano perché non gli piaci abbastanza. In fondo è una questione di incastri. Quella con cui escono dopo magari non sa chi sia Carver e ha fatto la figurante a Uomini e donne, ma con lui si incastra meglio e sono scintille. E lui la richiama.

Devi tenere bene a mente che, per quanto paradossale, non è una questione personale. O meglio: lo è perché tu devi trovare uno che ti ami per quella che sei, ma il senso è di non pensare che il tuo valore venga sminuito da una serie infinita di appuntamenti falliti e uomini che scompaiono come aerei che sorvolano il Triangolo delle Bermude.

Pensa a te stessa come ad un pezzo di Lego. Devi trovare quello che si incastra con te, altrimenti di un Lego a caso cosa te ne fai?
Ecco va detto, cara G, che c’è una carestia di Lego da fare paura.
Che ormai siamo borderline con il collezionismo e le single girano con il piglio di Indiana Jones quando si barcamenava per le grotte alla ricerca di antichi tesori.
E dura. E sparizione dopo sparizione l’autostima vacilla.

Ti è concesso abbracciare ogni tanto un kg di gelato frignando. Ma poi devi reagire.
Da qualche parte c’è la tua arca perduta. Se ce l’ha fatta Indi ce la farai anche tu.
Continua a truccarti e pettinarti e non avere paura di far vedere che hai bisogno. Troverai uno abbastanza intelligente da chiedere “di cosa?” E quando capirà che la risposta non è “di te” sarete molto più sereni.
Continua la tua ricerca.
I tesori ci sono. Vanno scoperti.

Foto Credit ©igor normann - Fotolia.com

Hai una domanda per Emme? Scrivi a postadelcuore@deabyday.tv

Emme risponde...

SEGUICI