titolo

Emme

Un'amica vale (molto) più di un flirt

Lui è carino, simpatico, intelligente. E piace ad entrambe. Nessun dramma, nessuna scelta. Sarà lui a fare il lavoro sporco: decidere.

Cara Emme,
Io e una mia amica abbiamo conosciuto un ragazzo. Piace a tutte e due e lui è carino con tutte e due. Come facciamo a capire chi delle due si deve tirare indietro?
A.
 

Cara A.
è molto semplice: prendete le vostre pistole, o le vostre spade, tirate fuori dalla naftalina il vostro completo da Moschettiere e sfidatevi in singolar tenzone. All’alba chiaramente. E senza mettervi il copri occhiaie o il correttore, che il duello per amore non è roba da Clio make up.
Ovviamente scherzo.
Ma dove vi volete tirare indietro tesoro?
Sceglie lui, e l’altra brinda alla salute di quella scelta, ammesso che l’uomo in questione ne scelga una e non voglia semplicemente fare il piacione con tutte e due. Nel qual caso si faccia avanti la sportiva non quella che cita a memoria Jane Austen o prevedo un dramedy che nemmeno nei sottoscala di Downton Abbey.
Quando si conosce un maschio etero brillante e piacevole (accade con la frequenza della cometa di Halley in certe città del nord di cui, non voglio fare nomi, ma capita che ci siano la Borsa, il Duomo e la settimana della moda ogni tre quarti d’ora…) se si è amiche sane si fa il tifo l’una per l’altra. Se lo si conosce insieme.
Diverso è se una conosce un esemplare raro quanto un panda, lo coltiva per mesi, lo presenta all’amica e lei esce una tetta per conquistarlo.
L’amicizia dura più di un maschio. Per questo è la cosa che va rispettata e preservata con la cura con cui lavoriamo alacremente alla donna che volgiamo essere.
Io ho sempre scelto le mie amiche, NON i maschi.
Ho avuto qualche grande amore e parecchie cotte e le mie amiche non li hanno mai sfiorati.
Mi sono piaciuti uomini a cui piacevano le mie amiche, che mi chiedevano il loro numero. E' chiaro, non sono Madre Teresa di Calcutta, sorridevo, davo loro il numero, speravo che gli andasse bene e poi mi bevevo una vasca di gin tonic.
Ma era per una mia amica. Qualcosa di buono ne sarebbe venuto fuori.
Quindi A. credimi quando ti dico che se lui vuole una delle due l’altra avrà una vasca di gin tonic.
Ma voi due avrete sempre quello che conta davvero.
Quindi in bocca al lupo! E salute!
Ah! Quella a cui tocca la vasca di gin butti un occhio al barista che merita sempre…

Foto Credit ©igor normann - Fotolia.com

Hai una domanda per Emme? Scrivi a postadelcuore@deabyday.tv

Emme risponde...

SEGUICI