titolo

Emme

A volte ti senti invisibile? Come farsi notare da un uomo

Nessuno è invisibile, solo che a volte scegliamo una pessima illuminazione


 

Cara Emme,
ti sei mai sentita invisibile? Io si. Sempre. Come adesso, che ho incontrato in ascensore quello carino del quinto piano e non ho aperto bocca perché tanto lui guardava la parete. O ieri, quando al supermercato c’era uno con gli occhi belli ma era tutto concentrato sulla mozzarella. Io mi sento invisibile tutto il tempo. E quando vedo uno carino lui non vede me.
Come devo fare?
A.
 

Apri le orecchie A.,

perché mi pare che gli occhi tu li abbia già in funzione. Tutti questi uomini carini che vedi non possono andare sprecati! L’ultimo che ho visto io era in un serial della BBC ambientato nella Russia ai tempi di Napoleone! Per quello si che ero invisibile!!!
Dunque cara, a tutti questi ciechi che incontri, tanto per iniziare, TU sorridi?
E non dirmi no, perché non ti guardano. Un sorriso si sente anche se non si vede. Certo va fatto bene, se no fa subito serial Killer.
Mettiamo che tu sia in ascensore con il belloccio.
Lui fissa la parete, sicuramente pensando a come risolvere il conflitto israelo-palestinese eh, non certo se schierare o meno Iguain nel fantacalcio…
Se si gira e ti trova con fuori tre file di denti come gli squali (o michelle Hunziker) piuttosto che incontrarti di nuovo si fa montare un comodo palo dei pompieri per scendere e anche per salire. Quindi calibriamo.
Sorridi in maniera normale, il peggio che può capitare è che sorrida anche lui.
Stessa cosa vale per l’esperto della mozzarella di bufala.
Se proprio devi stargli accanto fallo con una faccia felice.
Felice, non significa che voltandosi penserà che vuoi finirlo a colpi di bocconcini di fior di latte con la faccia di Joker.
Sorridi sempre nella vita A., in ascensore, al banco freschi del supermercato che ci sia un uomo carino o Slort dei Gonnies.
Sono molto seria a riguardo. Lo so è un ossimoro. Ma è così.
Sorridere ti cambia l’aria intorno. Accende la luce.
Per anni le femmine hanno pensato che valesse quella cosa che “quello giusto ti trova e ti salva da un posto buio e triste”. NO. Se la luce non è accesa, difficilmente qualcuno guarda dalla nostra parte. Tra i modi migliori per illuminare quello che abbiamo intorno, credimi A., sorridere è faticoso ma crea una luce buona.
Nessuno è invisibile, è che spesso scegliamo una pessima illuminazione.
Forza!

Foto Credit ©Konstantin Yuganov- Fotolia.com

Hai una domanda per Emme? Scrivi a postadelcuore@deabyday.tv

Emme risponde...

SEGUICI