Alimentazione, ecco la nuova Piramide della Dieta Mediterranea sostenibile

Notizia Notizia

Gli esperti hanno elaborato una nuova Piramide della Dieta Mediterranea sostenibile per l’ambiente. Scopri di cosa si tratta!

Alimentazione, ecco la nuova Piramide della Dieta Mediterranea sostenibile

Ripensare la Piramide alimentare della Dieta Mediterranea perché diventi sostenibile per l’ambiente: è questa la proposta di IFMeD, l’International Foundation of Mediterranean Diet, che, in occasione della prima Conferenza Mondiale sulla Dieta Mediterranea, svoltasi a Milano, ha presentato la sua rappresentazione aggiornata della Piramide della Dieta Mediterranea.

Gli esperti intendono spostare l’attenzione dai benefici della Dieta Mediterranea per l’uomo a quelli per il pianeta e la popolazione globale

Per farlo hanno avviato un dialogo multidisciplinare tra scienziati ed esperti di nutrizione, alimentazione, economia domestica, sociologia e antropologia sociale, salute pubblica, agricoltura ambiente e patrimonio culturale.

Ne è emersa una nuova piramide basata sulle prove scientifiche nei campi della nutrizione e della salute in cui viene messa in risalto la componente socio-culturale, con un occhio di riguardo per il recupero delle tradizioni alimentari e, allo stesso tempo, per i cambiamenti dello stile di vita, sempre più frenetico.

Per quanto riguarda gli alimenti inclusi nella piramide, IFMeD ha concentrato l’attenzione su 3 cibi in particolare: il pesce, la carne e i legumi.

Attualmente il primo non trova un adeguato spazio nell’alimentazione degli italiani, che in media si garantiscono un consumo di proteine del pesce pari a 40 grammi a settimana rispetto ai 60 grammi settimanali raccomandati dagli esperti.

Per aumentarne l’assunzione Silvia Migliaccio, esperta del Dipartimento di Scienze dello Sport e della Salute Umana dell’Università 'Foro Italico' di Roma, suggerisce di fare affidamento anche al pesce in scatola, che in quanto a composizione nutrizionale è “paragonabile al fresco”.

Di carne ha invece parlato Elisabetta Bernardi, nutrizionista presso l’Università di Bari, che ricorda: “Nelle giuste quantità, fa parte della Dieta Mediterranea”.

I vantaggi del consumo di carne risiedono nell’apporto di importanti nutrienti e componenti bioattivi particolarmente utili in fasi della vita come la gravidanza e l’infanzia, quando favorisce la crescita e un buono sviluppo cognitivo, ma anche la terza età, quando aiuta a preservare i muscoli.

Infine, i legumi.

Oltre ad apportare proteine di origine vegetale e fibre preziose per la salute intestinale i legumi sono benefici per la fertilità del suolo e aiutano a combattere i cambiamenti climatici

Non a caso, come ha ricordato Laura Rossi, esperta del Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (CREA-NUT), le Nazioni Unite hanno proclamato il 2016 'anno dei legumi'.

Cercali all'interno della nuova Piramide della Dieta Mediterranea!


Foto e fonte: IFMeD 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI