Idratazione, italiani poco virtuosi. Le regole per proteggere la salute

Notizia Notizia

Un sondaggio svela: gli italiani sanno che bere acqua è importante, ma non lo fanno. Ecco le regole per un’idratazione corretta.

Idratazione, italiani poco virtuosi. Le regole per proteggere la salute

Un'idratazione adeguata aiuta a proteggere la salute. Non a caso un intero capitolo delle Linee guida per una sana alimentazione italiana è dedicato all'acqua.

Bere in abbondanza è un principio fondamentale anche della Dieta Mediterranea

Da questo punto di vista, però, gli italiani sono poco virtuosi, e pur sapendo che bere abbastanza acqua è importante, giunti all'atto pratico non lo fanno.

A svelarlo è un sondaggio condotto per Nestlé Waters secondo cui gli abitanti del Bel Paese sono più informati rispetto ai cittadini di altre nazioni (Cina, Francia, Messico, Regno Unito, Stati Uniti e Turchia); la maggior parte ritiene che si dovrebbero bere circa 8,5 bicchieri di acqua al giorno, e l'85% la considera una bevanda migliore rispetto ad altre, come le bibite gassate o i succhi di frutta.

Il 91% sostiene di berne almeno 1 litro al giorno, ma in realtà i consumi non sono sempre adeguati rispetto alle necessità dell'organismo. “Per assicurare il benessere psico-fisico al nostro organismo”, spiega infatti l'esperto dell'Università degli Studi di Milano Umberto Solimene, presidente della Federazione Mondiale del Termalismo (FEMTEC) e membro dell'Osservatorio Sanpellegrino, “è necessario bere circa 2 litri di acqua al giorno”.

Ecco alcune regole pratiche da seguire per garantirsi sempre un consumo di acqua sufficiente a soddisfare i bisogni del corpo e a mantenere un'idratazione adeguata.

  • Ogni giorno è bene bere almeno 6-8 bicchieri di acqua.
  • Meglio distribuire il consumo di acqua nell'arco della giornata anziché limitarlo ai pasti. Bere mentre si mangia, però, non ha controindicazioni: si tratta di una vera e propria leggenda quella secondo cui l'acqua farebbe ingrassare.
  • Non aspettare lo stimolo della sete: compare quando la disidratazione ha già esercitato alcuni dei suoi effetti negativi.
  • Aumentare il consumo di acqua in situazioni in cui l'organismo è esposto a un maggior rischio di disidratazione, ad esempio se fa caldo, se si fa attività fisica, in caso di febbre, ecc.
  • Evitare di sostituire l'acqua con altre bevande.
  • Assumere acqua anche con il cibo, in particolare frutta e verdura fresche.

Accanto a queste regole, è bene ricordare che l'acqua imbottigliata non è l'unica adatta a un'alimentazione sana: anche quella del rubinetto può essere inserita senza nessun problema all'interno di uno stile di vita salutare.

Inoltre non bisogna credere che l'acqua liscia sia necessariamente da preferire a quella gassata, anzi, in alcuni casi quest'ultima può favorire una buona digestione.

Infine, è bene fare attenzione all'acqua fredda: non è necessariamente controindicata, ma nel caso è bene berla a piccoli sorsi, in modo da scongiurare il rischio di congestione.

>>> LEGGI ANCHE:
Come mantenere l'idratazione in estate
Come idratare la pelle del viso in modo intenso
Come mantenere l'idratazione durante l'inverno: i consigli degli esperti

Foto: © WavebreakMediaMicro – Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI