Come proteggere la salute dalle frodi alimentari a Pasqua

Guida Guida

 A Pasqua la salute può essere minacciata dalle frodi alimentari. Scopri come proteggerla evitando anche gli sprechi.

Anche Pasqua è una festa che si trascorre a tavola.

Tra portate principali e dolci la salute è messa a dura prova dalle abbuffate, ma non solo.

Le frodi alimentari sono in agguato e a rimetterci può essere anche il benessere fisico

Per evitare di incappare in brutte conseguenze il Movimento Difesa del Cittadino e la testata Frodi Alimentari hanno messo a punto un decalogo per assicurarsi acquisti consapevoli e, perché no, evitare inutili sprechi alimentari.

Ecco i loro consigli.

  1. La qualità delle uova di Pasqua non è nella sorpresa. Quello cui bisogna fare attenzione è il cioccolato di cui sono fatte, in particolare la percentuale di cacao e quella di grassi diversi dal burro di cacao.
  2. Non acquistate le uova esposte in vetrina. L'esposizione al sole e al calore deteriora il cioccolato.
  3. Attenzione anche alle uova sode. Al momento dell'acquisto preferite le uova da galline allevate a terra, e a casa conservatele in frigorifero facendo attenzione al termine minimo di conservazione. Se, una volta sode, le colorate usate solo tinte per alimenti o comunque coloranti naturali.
  4. Controllate gli ingredienti della Colomba. Quelli previsti sono farina di frumento, zucchero, tuorlo o uova di categoria “A”, almeno il 16% di burro, almeno il 15% di scorze di agrumi canditi, pasta acida come lievito naturale e sale.
  5. Attenzione anche alla filiera corta. L'etichetta non è obbligatoria per le Colombe vendute direttamente nei laboratori, ma la lista degli ingredienti deve essere esposta su un cartello o un registro sul banco di vendita.
  6. Scegliete bene la carne. Il peso dell'agnello varia a seconda del tipo: per quello da latte è compreso tra 5 e 7 chili e la carne è tenera e magra; per quello leggero va da 7 a 10 chili; un agnello da taglio può pesare anche 10-15 chili.
  7. Attenzione alla provenienza della carne. Per esserne sicuri e godere dei vantaggi della filiera corta sarebbe meglio acquistarla direttamente dall'allevatore (il pastore nel caso dell'agnello).
  8. Meglio la qualità italiana. Si può scegliere ad esempio tra l’Agnello di Sardegna Igp, i Salami Dop e Igp e il Carciofo Romanesco del Lazio IGP.
  9. Attenzione alla sicurezza anche a Pasquetta. Chi organizza un picnic deve stare particolarmente attento alla conservazione di cibi e alimenti freschi, incluse la carne che sarà preparata alla brace.
  10. Sprecare cibo è vietato. Meglio valutare bene le dimensioni delle porzioni, ed eventualmente congelare gli avanzi o riciclarli per altre ricette.


Foto: © M.studio - Fotolia.com 

Dolci sostanziosi

I dolci tipici di Pasqua sono particolarmente sostanziosi ed energetici. Non esagerate con le quantità, potreste rimetterci la linea! 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI