titolo

Kiwi, il frutto ricco di vitamine

Guida Guida

Tutte le proprietà benefiche del kiwi, frutto ricco di vitamine! Scopriamo come introdurlo nella nostra alimentazione quotidiana!

Kiwi, il frutto ricco di vitamine

Non avete mai mangiato bacche? Sicuri? Nemmeno un… kiwi?
Abbiamo scoperto infatti che il kiwi (o kivi) è in realtà una bacca ovvero un frutto carnoso privo di rivestimento legnoso, con semi rivestiti di materiale resistente (come i pomodori e l’uva). La pianta che lo produce (Actinidia chinensis) è una parente delle liane e ha una caratteristica evolutiva molto antica: è dioica. No, non preoccupatevi, non è velenosa, significa solo che le piante di kiwi, proprio come gli animali, sono o “maschi” o “femmine”. Ovvero ci sono piante che possono solo impollinare (“maschi”; una pianta maschile basta per impollinare circa sei piante femminili) e altre che possono solo far frutti (“femmine”). Per avere i frutti bisogna che si formino le “coppie”: nel frutteto servono maschi e femmine.

Le piante sono molto sensibili al gelo e crescono bene in zone non eccessivamente fredde d’inverno, come per gli agrumi.

I frutti, o meglio le bacche, li conoscete: di forma simile a una piccola patata, sono di qualità e colori diversi. Il più diffuso e conosciuto è quello con buccia “pelosa” e polpa verde; esistono anche le varietà “gold” - con buccia non “pelosa” e polpa gialla – e rossa, con polpa rossa e buccia color mattone.

Si hanno notizie dei kiwi fin dal 1200 a.C., sotto la dinastia cinese dei Ming, ma ai nostri giorni i paesi leader mondiali nella produzione di kiwi sono la Nuova Zelanda e l’Italia, ove se ne hanno notizie intorno agli anni ’40 del secolo scorso.

Kiwi, frutto ricco di vitamine … e benefici
Vitamine, sali minerali, poche calorie, molta acqua e tante fibre: questa in sintesi la scheda nutrizionale dei Kiwi. Una scheda di tutto rispetto, cui seguono tanti benefici per la nostra salute. Vediamo i principali.

Vitamine. Le vitamine presenti nei kiwi sono la vitamina A, E, J, K e alcune vitamine del gruppo B. Ma soprattutto la vitamina C: il kiwi ne contiene circa 90 mg ogni 100 grammi, addirittura più delle arance. Questo vuol dire che basta un kiwi fresco al giorno per assumere tutta la vitamina C che ci serve come fabbisogno giornaliero. Vitamina C significa antiossidanti – alleati nella “lotta” ai radicali liberi e all’invecchiamento – e significa supporto alle difese immunitarie quindi ottimo nella difesa da raffreddori e infezioni. Il kiwi contiene inoltre molta vitamina B9 che, insieme alla vitamina C aumenta l’assorbimento del ferro ed è quindi ottimo aiuto in caso di anemia. Quanto alle altre vitamine dei kiwi, alcuni studi dimostrano che grazie alla Vitamina K contenuta, 2 kiwi al giorno riducono il rischio di coagulazione del sangue del 18%: bisogna fare attenzione se si stanno assumendo farmaci anticoagulanti in quanto potrebbero potenziarne gli effetti.

Sali minerali. molto potassio e poco sodio ne fanno l’alleato per la reidratazione dopo l’attività sportiva e in estate, quando si suda parecchio.

Acqua e fibre. l’83% d’acqua e il 3 % di fibre danno al kiwi proprietà reidratanti, sazianti e di supporto ai problemi intestinali. Le fibre inoltre diminuiscono l’assorbimento di zuccheri e grassi, motivo in più perché i kiwi siano validi amici di chi è a dieta.
Ci sono poche controindicazioni al consumo dei kiwi, ma bisogna conoscerle, per non incorrere in problemi di salute, più o meno gravi. Attenzione quindi a:

  • Assunzione di anticoagulanti: meglio sentire il parere del medico circa le quantità giornaliere di kiwi tollerabili
  • Allergie: si possono manifestare soprattutto se vi sono in famiglia altri casi di allergia al kiwi. Cautela nella somministrazione durante lo svezzamento
  • Disturbi intestinali in corso: date le proprietà lassative e la elevata quantità di fibra contenuta nel kiwi, se ne sconsiglia il consumo
  • Diverticoli: per chi ne soffre, i kiwi non sono consigliati, data l’abbondanza di semini che contengono

Calorie. con le sue circa 50 calorie ogni 100 grammi, il kiwi è buon compagno di pasto anche per chi è a dieta.

Dosi. in generale, si consiglia per tutti di non superare i 2-3 kiwi al giorno.

Kiwi, consigli per l’uso
Date le sue molteplici proprietà salutari, consigliamo di introdurre il kiwi nella vostra vita quotidiana, se ancora non lo avete fatto. Ecco qualche consiglio per il suo utilizzo in cucina, e non solo.

Per apprezzare appieno tutti i benefici, sempre meglio utilizzare il frutto fresco. La cottura infatti disattiva la vitamina C e le altre vitamine sensibili al calore.

Prima dei pasti: assumete 1-2 kiwi con un bicchiere d’acqua prima del pasto principale. Vi aiuterà a sentirvi subito sazi e di conseguenza a mangiare meno al pasto, oltre a limitare l’assorbimento di zuccheri e grassi. Provare per credere.

Come dessert: i frutti maturi possono essere tagliati a metà e scavati direttamente come fossero una coppetta di gelato. I vostri bambini si divertiranno moltissimo. Provate anche a creare degli spiedini colorati con banane, fragole e kiwi, oppure utilizzate le fette di kiwi fresche per decorare le vostre torte.

Centrifugati: per uno sprint salutare e rimineralizzante, provate il centrifugato di kiwi-mela-sedano, oppure il frullato di kiwi e banana. Sperimentate e scoprite i vostri abbinamenti preferiti

Insalate: date un gusto esotico alle vostre insalate, provate con kiwi, anacardi, mix di semi, indivia radicchio e finocchio; condite con olio Extravergine di oliva e accompagnate con pane integrale, per una cena vegan leggerissima e salutare.

Crostini vegan: preparate delle fette di pane integrale tostato, che spalmerete di burro vegetale o crema di avocado, sulla quale metterete qualche fetta di kiwi.

Il kiwi è una miniera di vitamine anche per la bellezza della vostra pelle e dei vostri capelli. Provate a utilizzarlo per fare degli impacchi:

  • Per il viso: frullate un kiwi e mescolatelo a qualche cucchiaio di yogurt bianco. Spalmate uno strato sul viso e lasciate in posa per almeno 15 minuti. Sciacquate delicatamente
  • Per i capelli: schiacciate un kiwi con la forchetta, aggiungete due cucchiai di yogurt bianco e uno di miele. Mettete l’impacco su tutta la lunghezza dei capelli, dalla radice alle punte, poi avvolgete la testa con la pellicola trasparente e lasciate in posa per 20 minuti. Procedete con uno shampoo delicato.

Monia Farina, Biologa Nutrizionista
In collaborazione con Cure-Naturali.it, il portale del benessere naturale

Foto © lilechka75 - Fotolia.com

Salute e benessere
SEGUICI