Come la sostenibilità può proteggere la salute

Guida Guida

La sostenibilità alimentare è un'arma a disposizione di tutti per proteggere la salute. Scopri perché utilizzarla!

La sostenibilità è uno degli argomenti al centro di Expo 2015.

Il tema dell'evento – “Nutrire il pianeta, energia per la vita” – richiama inevitabilmente due parole: alimentazione e salute.

Ma cosa significa, esattamente, garantire al mondo un'alimentazione sostenibile? E in che modo la sostenibilità alimentare può aiutare a proteggere la salute?

Secondo la FAO, l'organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, sono “sostenibili” quelle produzioni che riducono al minimo l'uso delle risorse naturali, i materiali tossici e le emissioni 

Ma non solo. Quello di alimentazione e agricoltura sostenibile è infatti un concetto più ampio che tiene conto non solo della produzione ma anche del consumo del cibo e che prevede l'implementazione integrata di processi e schemi sostenibili che permettano di rispettare le capacità di sopportazione degli ecosistemi naturali.

Per garantirsi un'alimentazione sostenibile è quindi necessario tenere conto di molti aspetti diversi, da quelli più strettamente legati alle scelte alimentari a quelli che riguardano invece altri aspetti dello stile di vita, passando per la scelta di cibi ottenuti attraverso produzioni sostenibili per arrivare a un corretto smaltimento dei rifiuti alimentari.

In questo modo è possibile proteggere anche la salute, perché la sostenibilità, i cambiamenti climatici, la biodiversità, la disponibilità di acqua, la sicurezza alimentare e la disponibilità di cibo sono tutti fattori strettamente interconnessi.

La sostenibilità ambientale aiuta ad esempio a difendere la salute:

  • riducendo le emissioni di inquinanti che possono danneggiare direttamente (come il particolato che esce dagli scarichi dei macchinari agricoli o dei camion utilizzati per il trasporto dei prodotti sulle lunghe distanze) o indirettamente (aggravando ad esempio lo stato del ben noto buco nell'ozono) la salute;
  • riducendo l'uso di sostanze (come pesticidi ed erbicidi) i cui residui tossici entrano nella catena alimentare;
  • promuovendo un'alimentazione che seguendo i ritmi delle stagioni fornisce all'organismo tutto ciò di cui ha bisogno attraverso la variabilità dei suoi ingredienti.

Secondo la FAO “le scelte dei consumatori giocano un ruolo fondamentale nell'orientamento delle produzioni, dato che i produttori selezionano alcuni tipi di prodotti in base alla provenienza, ai processi produttivi o ai produttori”.

Tutti, insomma, possono contribuire con le loro scelte alimentari e proteggere così la loro salute individuale con un'arma in più oltre a quelle messe a disposizione dalla medicina: uno stile di vita sostenibile.


Foto: © Thaut Images - Fotolia.com
Fonte: FAO

Il potere del Km 0

Un passo verso un'alimentazione sostenibile può essere scegliere prodotti a Km 0, cioè provenienti da zone limitrofe a quelle in cui vengono venduti. Il loro impatto ambientale è ridotto dal mancato trasporto su lunghe distanze. 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI