Metabolismo e alimentazione: il giusto equilibrio

Guida Guida

Scopri come dimagrire grazie all'attività fisica e a una dieta equilibrata, stando attento alle cosiddette diete "alla moda".

Quando si parla di metabolismo di base si fa riferimento alla somma dell'energia utilizzata per svolgere le funzioni fisiologiche dell'organismo.

Il corpo consuma sempre energia, anche quando non si muove, e la principale responsabile dei consumi energetici basali è la massa magra, ossia, essenzialmente, i muscoli e gli organi interni. L'energia di cui l'organismo ha bisogno è, invece, contenuta nel cibo che mangiamo.

Se, tuttavia, le calorie nei pasti sono troppe, si accumulano, si ingrassa e aumenta il rischio di problemi al cuore, di diabete e di alcuni tumori. Viceversa, più ci muoviamo, più riusciamo a disperdere energia, più il corpo attinge alle sue scorte e -se il cibo non fornisce abbastanza calorie-si inizia a dimagrire.

Attenzione, però: anche dimagrendo troppo o male ci si può trovare a dover fare i conti con problemi di salute. Perciò, per raggiungere e, soprattutto, per mantenere il peso giusto bisogna intervenire sia sulle “uscite” sia sulle “entrate” energetiche, cioè, sia sull'attività fisica che sull'alimentazione.

Ecco alcuni consigli per mantenere un giusto equilibrio tra metabolismo, alimentazione e movimento:
• Praticare un regolare esercizio fisico. E' meglio bruciare quotidianamente un po' di calorie facendo poca attività fisica tutti i giorni (bastano 30 minuti) piuttosto che concentrare 2 ore di esercizio in un solo giorno. Oltre allo sport vero e proprio, sono importantissime tutte le occasioni giornaliere di dispendio energetico: fare le scale a piedi, camminare, portare a spasso il cane, pulire la casa, giocare a pallone, ballare, fare faccende domestiche ecc…

• Seguire un regime alimentare salutare. Bisogna mangiare di tutto, ma in piccole quantità e in modo equilibrato, preferendo i cibi vegetali, meno ricchi di calorie, ma con alto potere saziante, come frutta e verdura. Bisogna invece prestare attenzione (che non significa eliminare) al consumo dei grassi e preferire quelli di qualità migliore, limitare zuccheri, dolci e bevande zuccherate, ridurre l'aggiunta di sale ai cibi, bere acqua in abbondanza e variare spesso le scelte a tavola.

• Effettuare 5 pasti al giorno, perché l'impatto calorico di 2000 kcal (corrispondenti a un fabbisogno quotidiano medio) assunte in un solo pasto o due è diverso da quello della stessa quantità di calorie suddivise in più pasti. Impatto metabolico e digestivo a parte, in questo modo si evita di arrivare ai pasti principali affamati e di essere soggetti ai “morsi della fame” durante la giornata.

Foto © Picture-Factory - Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI