Come avere un seno più pieno con la mastopessi

Guida Guida

Tra le operazioni più richieste over 50 c'è la mastopessi per ridare pienezza al seno. Ecco di cosa si tratta e in cosa consiste.

Con il tempo la parte del seno che sta sopra l’areola tende a svuotarsi, mentre la parte inferiore diventa più pesante, conferendo alla mammella il caratteristico aspetto cadente.

Ecco come avere un seno più pieno

La mastopessi è un intervento che ridefinisce il cono mammario in modo che sia proiettato più in alto, conferendogli una forma più gradevole.

In base alla dimensione del seno e a quanto risulta cadente, l’intervento può essere eseguito con tre modalità. Per i casi meno accentuati, si pratica un’incisione intorno all’areola e da lì si provvede ad eliminare i tessuti in eccesso, o più spesso si aggiunge una protesi al silicone, trattandosi frequentemente di mammelle piccole e svuotate.

Nei casi più seri, all’incisione se ne abbina un’altra, verticale, dal punto più basso dell’areola al solco mammario.

Quando le mammelle sono molto voluminose e molto basse, si aggiunge una terza incisione, orizzontale e posizionata nel solco mammario.

L’intervento può avvenire in anestesia locale con eventuale aggiunta di sedazione o in anestesia generale. Dipende dai casi sopracitati

Dopo l’operazione si dovrà usare un reggiseno apposito da tenere di notte e giorno per circa un mese, periodo durante il quale i lividi e il gonfiore scompaiono progressivamente.
 

Photo Credit: Helga via Photopin

Un bell'aspetto è importante ma la salute prima di tutto. Leggete come fare l'autopalpazione al seno in maniera corretta.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI