Come trattare l’influenza e le sindromi simil-influenzali

Guida Guida

Medico, esperta in Omeopatia
Fulvia Spallino

Per prevenire l'influenza o le altrettanto fastidiose sindromi simil-influenzali un aiuto decisivo può arrivare dai medicinali omeopatici. Scopriamo di più con i consigli dell'esperta in Omeopatia.

L’influenza è un’affezione respiratoria acuta con un esordio improvviso e febbre superiore a 38°, spesso accompagnata da alcuni sintomi come cefalea, malessere generalizzato, stanchezza eccessiva, brividi e almeno un sintomo tra tosse, dolore alla faringe o congestione nasale.
E’ causata da virus denominati Orthomixovirus e può durare anche 2-3 settimane: il suo periodo di maggiore incidenza è compreso tra la fine di dicembre e l’ inizio di marzo.

Le sindromi simil-influenzali sono provocate, invece, da oltre 200 tipi di virus, possono manifestarsi nell’arco di tutto l’anno, danno sintomi meno intensi rispetto all’influenza e il loro decorso è generalmente più breve.

Influenza e sindromi simil-influenzali presentano caratteristiche comuni: sono malattie virali, colpiscono l’apparato respiratorio, si diffondono rapidamente per via aerea e sono in genere più frequenti nei mesi freddi.
Spossatezza, indolenzimento, brividi, mal di testa, o, nei più piccoli, mancanza di appetito, irritabilità e sonnolenza sono i sintomi di un malessere su cui è bene intervenire tempestivamente, per cercare di limitare e abbreviare il decorso della malattia.

D’inverno la possibilità di contrarre l’influenza cresce esponenzialmente.

Seguire una corretta prevenzione con i medicinali omeopatici riduce le possibilità di ammalarsi

contagiando gli altri membri della famiglia ma non solo.

Ricordiamo che i medicinali omeopatici possono essere una valida scelta terapeutica per risolvere velocemente il disturbo anche quando si sia già manifestato

riducendo così i giorni di convalescenza.

Ai primi sintomi

Consiglio Oscillococcinum, medicinale omeopatico utile in prevenzione ma anche per il trattamento sintomatico dell’influenza, delle sindromi simil-influenzali e delle forme virali in genere (in particolare otiti e rino-faringiti). E’ disponibile in contenitori monodose che contengono la corretta quantità di globuli da sciogliere direttamente sotto la lingua o in poca acqua. Ai primi sintomi è bene assumere subito un tubo dose di Oscillococcinum, ripetendone l’assunzione ogni 6 ore fino a tre volte al giorno. Nelle prime 48 ore i sintomi migliorano radicalmente o addirittura scompaiono.
L’assunzione di Oscillococcinum è utile anche per limitare il rischio di contagio in famiglia o sul luogo di lavoro: una dose del medicinale omeopatico può essere proposta immediatamente a tutte le persone venute in contatto con chi è influenzato e la somministrazione va ripetuta una volta a settimana, indicativamente fino al mese di marzo.

Quando i sintomi sono evidenti

Per il trattamento della sintomatologia conclamata, è bene assumere 2 dosi al giorno di Oscillococcinum, (una al mattino e una alla sera) per 2 o 3 giorni. L’utilizzo di altri farmaci potrà essere ridotto di molto; inoltre potrete ridurre il tempo di guarigione e favorire una ripresa più veloce. Nel caso in cui i sintomi persistano, è consigliabile consultare al più presto il proprio medico.
Per contrastare le virosi in genere è possibile assumere anche i medicinali omeopatici Phosphoricum acidum 15CH e Kalium phosphoricum 30CH: 5 granuli di ciascun medicinale, mattina e sera, sono utili per migliorare sintomi quali la classica spossatezza tipica di questi disturbi.
Se i dolori muscolari e l’indolenzimento sono molto fastidiosi consiglio l’assunzione di Eupatorium perfoliatum 9CH o di Arnica 9CH. Anche l’oligoelemento Rame è di aiuto: la posologia è di una dose al giorno per 10 giorni.

Per evitare le ricadute

Una volta guariti, per non ammalarsi nuovamente nel giro di breve tempo possono risultare utili medicinali omeopatici come Sulfur 9CH e Pulsatilla 9 CH (5 granuli una volta al giorno) fino a completa guarigione. Anche gli oligoelementi possono rappresentare un utile supporto nella fase della convalescenza: consiglio l’oligoelemento complesso Rame-Oro-Argento, nella posologia di una fiala al giorno per 15 giorni.

 

Credit Foto © Andy Dean - Fotolia.com

Lavare sempre le mani con sapone e acqua, risciacquandole per almeno venti secondi
Coprirsi la bocca a ogni colpo di tosse o starnuto
Usare solo fazzoletti usa e getta smaltendoli in un cestino per i rifiuti chiuso
Avere un’alimentazione ricca di vitamine e sali minerali contenuti in frutta e verdura di stagione (soprattutto agrumi, kiwi e mandorle)
Fare attività fisica: il movimento stimola l’organismo e il sistema immunitario
Dire NO alla sigaretta

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI