Insonnia negli adulti: come aiutarsi con i medicinali omeopatici

Guida Guida

Medico, esperta in Omeopatia
Fulvia Spallino

La sindrome da cambio di stagione è una delle cause dell'insonnia ma esistono diverse tipologie di disturbi del sonno. Scopriamo come conquistare un buon riposo con l'utilizzo dei medicinali omeopatici.

Con l’arrivo della primavera sono in molti a soffrire della cosiddetta “sindrome da cambio di stagione” scientificamente chiamata SAD (Seasonal Affective Disorder) che comporta spossatezza fisica, difficoltà di concentrazione e soprattutto insonnia.

Per quanto si tratti in genere di una situazione temporanea correlata al ritorno dell’ora legale e all’aumento delle ore di luce, che influiscono sui ritmi dell’organismo alterando il naturale ciclo del sonno, gli effetti della privazione di sonno non sono da sottovalutare. Chi dorme poco e male, infatti, lamenta sonnolenza diurna, irritabilità, sbalzi d’umore e minor attenzione.

Ai pazienti che in questa stagione mi chiedono un consiglio perché faticano ad addormentarsi o si svegliano più volte durante le notte, suggerisco di assumere i medicinali omeopatici

perché sono farmaci sicuri, che non presentano effetti collaterali e possono essere somministrati a tutte le età, anche in presenza di altre terapie farmacologiche in corso, senza alcun tipo di interazione.

 

In particolare, consiglio Datif PC, una specialità omeopatica che contiene 6 diversi medicinali omeopatici di origine vegetale tradizionalmente utilizzati sui sintomi tipici degli stati ansiosi ed emotivi. Ne andrebbero assunte 2 compresse da lasciar sciogliere in bocca, 3 volte al giorno, fino al miglioramento dei sintomi.

Per stimolare il riequilibrio del ritmo sonno-veglia, suggerisco di assumere il medicinale omeopatico Bulbinum 9 CH, 5 granuli la sera prima di addormentarsi. Se di notte si soffre di iperideazione, ovvero l'incapacità di sgomberare la mente dai pensieri, è utile Coffea tosta 9 CH, 5 granuli prima di andare a letto, da ripetere durante la notte se necessario.

Quando dispiaceri, lutti, cattive notizie fanno il loro ingresso nell’esistenza umana e le nostre giornate sono costellate di sospiri alternanza di umore e la sera ci si muove continuamente nel letto nel vano tentativo di scacciare pensieri tristi, è utile Ignatia Amara 9 CH.
Se l’insonnia è dovuta a eccessi alimentari, alcolici, da tabacco ecc. consiglio Nux vomica 9 CH, mentre Arnica 9 CH è indicato nei casi in cui l’insonnia sia dovuta a stanchezza fisica, ad esempio dopo una prova sportiva o un allenamento. Se l’insonnia è dovuta ad ansia per eventi futuri, come esami o prove da sostenere, consiglio Gelsemium 9 CH, 5 granuli la sera prima di addormentarsi.
Sempre per gli studenti notevolmente affaticati per lo sforzo intellettivo, che hanno difficoltà a prendere sonno, consiglio Kalium Phoshoricum 9 CH.

Tutti questi medicinali omeopatici vanno assunti nella quantità di 5 granuli poco prima di andare a letto.

A lungo termine, l’insonnia può influire sul metabolismo e sulle funzioni dell’apparato endocrino, provocando un invecchiamento precoce e una riduzione delle difese immunitarie. Inoltre, molti incidenti alla guida sono da imputare a sonnolenza e colpi di sonno. Chi vive una situazione di insonnia cronica, dovrebbe recarsi dal proprio medico per indagare la causa e valutare la terapia più adatta.

Credit foto: © Brian Jackson - Fotolia.com

Qualche accorgimento per dormire meglio

 • In concomitanza con il ritorno dell’ora legale, è utile andare a dormire ogni sera e alzarsi ogni mattina alla stessa ora
Spegnere il cellulare prima di andare a letto: la mancanza di luce favorisce il riposo
Evitare alcool e caffeina che ritardano il momento del sonno
• Non assumere cibi piccanti o troppo elaborati
Fare attività fisica regolarmente, per stimolare la produzione di endorfine che favoriscono il benessere psico-fisico dell’individuo

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI