Punture di insetti: prova l'omeopatia

Guida Guida

Medico, esperta in Omeopatia
Fulvia Spallino

Quando, d'estate, bisogna fare i conti con le punture di zanzara, un valido aiuto arriva dall'omeopatia, anche in prevenzione.

La stagione estiva è per molti sinonimo di vacanze, giornate trascorse nel verde, cene all’aperto. Con l’estate però arrivano anche le zanzare, con i loro ronzii notturni che spesso ci tengono svegli e le fastidiose punture. In generale, i morsi degli insetti sono uno dei tipici disturbi dei mesi più caldi, sia in città che nei luoghi di villeggiatura. La maggior parte degli insetti ci punge per nutrirsi; diverso è il caso degli imenotteri, ossia api, vespe e calabroni, che pungono per difesa.

Le punture di zanzare provocano prurito, arrossamento e gonfiore. Il dolore, invece, è associato alle punture di api, vespe o calabroni. Per calmare il prurito e il bruciore associato alle punture di insetti, i medicinali omeopatici possono offrire un valido aiuto

Apis mellifica 9 CH è uno dei medicinali omeopatici che consiglio maggiormente, 5 granuli anche ogni ora, da ridursi in base al miglioramento. E’ indicato per qualsiasi tipo di puntura di insetto. Tipicamente la lesione appare arrossata e calda, la sensazione che si prova è quella di avere degli spilli nella pelle e si desidera mettere sopra del ghiaccio. Se la puntura crea anche un’infiammazione, è utile associare Belladonna 9 CH, sempre nella posologia di 5 granuli ogni ora, da ridurre al miglioramento dei sintomi. Per ridurre il prurito causato dalle punture di insetti consiglio Dapis Gel, un gel a base di estratti di Apis mellifica e Ledum palustre che, grazie ai suoi ingredienti di origine naturale, ha un’azione lenitiva sulla cute.

Ricordo, inoltre, che i soggetti più predisposti a essere oggetto delle attenzioni di zanzare nella stagione estiva possono avvalersi dei medicinali omeopatici in prevenzione. Nello specifico, consiglio di assumere Ledum palustre 5 CH, 5 granuli 1 volta al giorno, almeno un mese prima dell’arrivo della stagione estiva.

Credit foto: by-studio - Fotolia.com

Se vi ha punti un insetto

Per calmare il prurito e il dolore delle punture si può applicare un cubetto di ghiaccio: il freddo, infatti, ha un’azione anestetizzante
E’ necessario evitare di grattare la parte lesa per far sì che non si crei un’infezione
Se circondati da uno sciame, bisogna allontanarsi molto lentamente ed evitare movimenti bruschi che rendono gli insetti più aggressivi
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI