Settimana bianca? Non dimenticare i medicinali omeopatici

Guida Guida

Medico, esperta in Omeopatia
Fulvia Spallino

In partenza per qualche giorno sulla neve? Ecco quali sono i medicinali omeopatici da mettere in valigia per la settimana bianca.

I weekend in montagna e la classica “settimana bianca” sono ormai alle porte ed è arrivato il momento di indossare scarponi, tute termiche e sciarpe per godere al meglio una giornata sulla neve. A chi si appresta a partire per una settimana bianca consiglio spesso di portare con sé un kit di farmaci che includa anche i medicinali omeopatici. L’omeopatia, infatti, è una valida scelta terapeutica nel caso si verifichino alcuni infortuni sulle piste da sci.

Durante le vacanze in montagna gli sciatori possono incorrere in affaticamenti muscolari e infortuni, soprattutto nel caso in cui non si siano mantenuti in allenamento durante l’anno

In fase preventiva, un paio di giorni prima di partire per la montagna, consiglio di assumere Arnica montana 9 CH, 5 granuli al mattino e alla sera, per l’azione che questo medicinale omeopatico esercita sulle parti esposte a traumatismi o a sovraccarichi da sforzi muscolari. Arnica montana va assunto anche durante tutto il tempo in cui si pratica l’attività sportiva. In caso di contusioni ed ematomi, eventi che si verificano spesso in montagna, consiglio di applicare sulla parte interessata Arnigel, un gel a base di Arnica montana indicato per alleviare rapidamente il dolore e accelerare il riassorbimento degli ematomi. Questo gel è utile anche in caso di indolenzimento muscolare. Infine, se il problema avvertito è quello dei crampi, prescrivo Arnica montana 9 CH, Cuprum metallicum 9 CH e Sarcolacticum acidum 5 CH, 5 granuli di ciascun medicinale ogni ora fino al miglioramento.

 

Cosa fare invece se dopo una giornata al freddo si manifestano alcuni disturbi da raffreddamento? In presenza di rinorrea acquosa e chiara, caratterizzata da starnuti mattutini e bruciore, suggerisco Allium cepa 5 CH, mentre a chi lamenta bruciore al naso e agli occhi, che migliora con il calore, e secrezione bianco-giallastra consiglio Arsenicum album 5 CH. Se si manifesta una faringite con febbre e dolore diffuso alla gola, è indicato Belladonna 9 CH; Aconitum 9 CH è consigliabile, invece, in presenza di febbre improvvisa dopo un’esposizione al freddo secco. Per tutti questi medicinali la posologia è la medesima: 5 granuli, 3 volte al giorno.

Infine, se a seguito di stress fisico ed esposizione a freddo compare herpes labiale consiglio Rhus Toxicodendron 9 CH da assumersi in 3 granuli 3-4 volte al giorno.

Credit Foto: ©Sunny Studio - Fotolia.com

Cosa mangiare sulle piste?

In montagna anche l’alimentazione assume particolare importanza:
• Una colazione completa di pane, formaggio e frutta fresca permette di avere le energie necessarie per affrontare la giornata e il corretto apporto di vitamine.
• Durante l’attività sportiva è una buona abitudine portare con sé del cioccolato o qualche biscotto, utili a dare energia, nonché un contenitore termico per bere e reintegrare i liquidi persi.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI