Ansia: sintomi e rimedi

Guida Guida

L’ansia è uno stato di tensione che può rendere invalidante il normale svolgimento delle attività quotidiane. Scopriamo i sintomi per riconoscerla e i possibili rimedi per affrontarla.  

L'ansia è uno stato di particolare tensione, un eccesso di preoccupazione diffuso e persistente. È una sensazione oppressiva che compare anche senza un motivo apparente e che può diventare invalidante, poiché rende difficile affrontare la quotidianità e le normali attività svolte durante il giorno.

Esistono vari tipi di ansia: c’è quella situazionale, quella legata ad una particolare malattia e l'ansia cronica, curata generalmente con terapia farmacologica associata talvolta anche a psico-terapia.

I sintomi del malessere psicofisico causato da questo stato tensivo sono molteplici e molto eterogenei. C’è che manifesta disturbi intestinali, chi tachicardia o extrasistole, ma anche chi ha tremori, crampi allo stomaco, debolezza o senso di soffocamento.

Le cause dell'ansia
L’ansia può scaturire uno stile di vita troppo intenso, oppure può essere legata a fattori genetici ereditari, a stress eccessivo o a particolari disequilibri di noradrenalina e serotonina (sostanze chimiche presenti nel cervello). A questo stato di tensione possono essere associate paure irrazionali e incontrollabili, attacchi di panico, irrequietezza motoria, agitazione e insonnia.

ansia: i rimedi

Ansia: i rimedi
L’alimentazione svolge un ruolo molto importante nella cura dell’ansia. Può essere utile, infatti, introdurre nella dieta quotidiana alcuni amminoacidi che svolgo un ruolo centrale nel combattere il disturbo.

L’Istidina ha un effetto calmante e rilassante a livello mentale. Il Triptofano, la Serotonina, le vitamine del gruppo B e la vitamina C, invece, aiutano a mantenere stabile l’equilibrio mentale ed emozionale. La Glicina, infine, controlla e mitiga l’alterazione motoria.

Questi amminoacidi sono contenuti nelle proteine di origine animale e vegetale. Le vitamine del gruppo B, invece, si assumono anche attraverso i cereali integrali e il lievito di birra.

Tuttavia, quando il disturbo diventa invalidante e frequente e quando l’ansia interferisce con il normale svolgimento delle attività quotidiane, è bene rivolgersi ad uno specialista. Sarà il medico, infatti, a valutare se è necessario ricorrere ad un'eventuale terapia farmacologica da assumere a seconda del tipo di disturbo.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI