Come scegliere i rimedi casalinghi giusti per la salute della pelle

Guida Guida

I rimedi casalinghi consigliati per prendersi cura della pelle sono molti. Scopri con l'esperta quali sono davvero efficaci!

Cetrioli, tè, olio d'oliva e chi più ne ha, più ne metta: i rimedi casalinghi consigliati per prendersi cura della pelle sono numerosi. Ma sono davvero efficaci?

Quando si tratta di cosmesi fidarsi dei rimedi casalinghi può essere rischioso. Se in alcuni casi possono risultare inefficaci, in altri possono addirittura rivelarsi dannosi

Ad avvertire gli appassionati del fai-da-te è la cosmetologa Milena Valentini, che spiega: “Alcuni rimedi fatti in casa ci possono venire in aiuto, ma è sempre meglio affidarsi a prodotti cosmetici certificati".

I cetrioli, ad esempio, sono spesso utilizzati per eliminare le borse sotto agli occhi. "In realtà", spiega l'esperta, "hanno semplicemente un’azione rinfrescante, solo perché li prendiamo dal frigorifero, ma non hanno nessuna proprietà ulteriore. Una soluzione equivalente sarebbe mettere dei semplici batuffoli di cotone inumiditi”.

Lo stesso ragionamento vale anche l'uso di bustine di tè verde. "Le foglie del tè possono svolgere una leggera funzione rinfrescante sulla zona del contorno occhi, ma attenzione, per chi soffre di macchie cutanee, la teina può provocare infatti un aumento del fenomeno”.

Per quanto riguarda invece il papavero la cosmetologa spiega che l'infuso dei suoi petali ha, effettivamente, della proprietà calmanti che rilassano la muscolatura e favoriscono la distensione. "Applicando l'infuso con dischetti di ovatta e lasciandoli in posa per 20 minuti, si ha una sensazione di rilassatezza che distende il viso, rendendolo meno rugoso, ma l'effetto è ‘momentaneo’ ".

Nemmeno l'olio d'oliva è dotato di tutte le proprietà idratanti che spesso gli vengono attribuite

In realtà", spiega Milena Valentini, "non idrata ma ammorbidisce la cute. L'olio da solo penetra solo nello strato superficiale della pelle, andando ad ammorbidire semplicemente".

Per idratare è meglio abbinare all'uso dell'olio quello di agenti umettanti, come l'acqua o il gel di aloe. In questo modo "i corneociti (strato superficiale della pelle) si gonfieranno e si idrateranno dando un aspetto di pelle più turgida, ma poi l'acqua evaporerà e l'effetto svanirà quasi subito".

"E' necessario quindi utilizzare un mix dei due ingredienti (olio e acqua) ed è per questo che è meglio utilizzare le creme (emulsioni di olio e acqua), magari contenenti olio di oliva, piuttosto che ricorrere all'olio puro. Altra accortezza che si potrebbe avere è inumidire la pelle prima di passare l'olio, in modo da avere l'effetto emulsione e la pelle idratata”.

Infine, l'acne. "Il famoso dentifricio, utilizzato soprattutto dai giovani per combattere gli antiestetici brufoletti, può avere funzione di riassorbimento dei fastidiosi brufoli solo a condizione però che la persona non abbia la pelle molto sensibile e soprattutto che il brufolo non si sia ancora manifestato in forma purulenta, altrimenti si rischiano irritazioni e infezioni cutanee. Inoltre non bisogna assolutamente utilizzare dentifrici ad azione sbiancante".

Anche la convinzione che il burro possa contrastare questa malattia della pelle è solo una leggenda. "E' troppo grasso", spiega l'esperta, "e quindi può portare ad un peggioramento della condizione stessa, così come il lievito di birra, che solo in principio sembra far migliorare il problema, ma col tempo acutizza il fenomeno".

 

Foto: @ suzukiQ - Flickr

Olio e burro sono spesso consigliati anche per proteggere i capelli. In realtà impacchi di questo tipo non fanno altro che sporcarli anziché renderli sani e luminosi.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI