Diete, anche le prugne secche aiutano a dimagrire

Guida Guida

Le prugne secche favoriscono la funzionalità intestinale, ma non solo. Scopri come usarle per dimagrire!

Spesso chi è a dieta si tiene alla larga dalle prugne secche. Alla base di questo atteggiamento c'è probabilmente la convinzione che in questa variante le prugne contengano più carboidrati che nella loro versione fresca.

In realtà non solo le quantità di zuccheri ma anche quelle di grassi presenti nelle prugne secche sono le stesse che si trovano nelle prugne fresche. Ma c'è di più.

Introdurre le prugne secche nell'alimentazione di chi è a dieta può aiutare a dimagrire e ad aumentare il senso di sazietà

A svelarlo è uno studio presentato da Jason Halford e Jo Harrold, esperti dell'Università di Liverpool, al 21mo Congresso Europeo sull'Obesità di Sofia, in Bulgaria.

I ricercatori hannoconfrontato l'effetto del consumo di prugne secche da parte di persone obese o in sovrappeso con quello di un'educazione alimentare basata su consigli su come fare spuntini sani.

Fra i 100 individui coinvolti nello studio – 26 uomini e 74 donne in sovrappeso o obesi di età media pari a 43 anni – le donne cui è stato imposto il consumo di prugne ne hanno dovute mangiare 140 grammi al giorno per 12 settimane, mentre gli uomini ne hanno mangiati 171 grammi al giorno per altrettante settimane.

E' stato così scoperto che:

  • mangiare prugne secche promuove la perdita di peso: dopo 12 settimane chi le aveva introdotte nella propria alimentazione aveva perso in media 2 chili;
  • mangiare prugne aiuta a smaltire il grasso addominale: alla fine delle 12 settimane chi ha mangiato prugne secche ha perso in media 2,5 cm di girovita;
  • mangiare prugne secche aumenta il senso di sazietà.

"Questi dati dimostrano che consumare prugne secche nell’ambito di una dieta per perdere peso non ha alcun effetto negativo, e facilita anzi la perdita di peso”, ha commentato Halford.

"Questi risultati dimostrano che il consumo di quantità significative di prugne secche ogni giorno come parte di una dieta sana ed equilibrata non porti ad aumento di peso”, aggiunge la nutrizionista Evelina Flachi.

Inoltre, dimostrano come il consumo di frutta secca non debba essere sconsigliato nell’ambito di una dieta sana e uno stile di vita attivo. I consumi di frutta e verdura sono spesso al di sotto dei livelli giornalieri raccomandati, e dunque l’aggiunta di frutta secca nell’alimentazione potrebbe essere parte della soluzione a questa carenza".

Foto Credit: @ rockindave1 - Flickr

Nessun problema per l'intestino

 La ricerca presentata al Congresso Europeo sull'Obesità di Sofia ha dimostrato anche che l'aggiunta di prugne secche nell'alimentazione quotidiana di individui non abituati a un elevato consumo di fibre non ha effetti negativi sull'intestino. Insomma, eventuali controindicazioni sembrano essere escluse.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI