Come combattere il glaucoma con l'alimentazione

Guida Guida

I sintomi del glaucoma possono essere alleviati con l'alimentazione. Scopri quali sono i cibi giusti!

In Italia il glaucoma colpisce circa un milione di persone, metà delle quali non sa nemmeno di avere a che fare con questa patologia.

Alla sua base c'è un aumento della pressione all'interno dell'occhio che finisce per danneggiare il nervo ottico, portando a una riduzione del campo visivo e, nei casi più gravi, alla cecità.

Oggi un nuovo studio svela come ridurre i suoi sintomi con l'alimentazione giusta.

Secondo i ricercatori dell'Università di Valencia, in Spagna, per alleviare i disturbi associati al glaucoma bisogna introdurre nella dieta frutta e verdura, tè verde, caffè, quantità moderate di vino rosso e fegato

Lo studio, pubblicato sulla rivista Archivos de la Sociedad espanola de oftalmologia, ha previsto di revisionare i risultati di 20 studi che hanno analizzato l'associazione tra alimentazione e il glaucoma.

Secondo i ricercatori il punto di forza dei cibi da includere nella dieta contro i sintomi di questa malattia sarebbe la presenza di antiossidanti.

Questi ultimi avrebbero un effetto positivo sulla retina, componente fondamentale dell'occhio che con i suoi coni e i suoi bastoncelli permette di trasformare l'energia luminosa in un messaggio da inviare al cervello.

L'azione degli antiossidanti sulla retina porterebbe, almeno nel breve termine, a benefici in termini di riduzione dei sintomi del glaucoma.

In particolare, a svolgere un ruolo positivo sarebbero il retinolo, presente ad esempio nel fegato, i polifenoli del tè verde, la vitamina B1 di pane e patate, gli omega 3 di pesce e noci e gli antiossidanti di cui sono ricche la frutta e la verdura.

Attenzione, però: quella proposta dai ricercatori spagnoli non è una cura e solo l'oftalmologo può stabilire qual è la terapia migliore a seconda del caso.

Foto @ Fabio - Flickr
Fonte: Ansa

La cura del glaucoma

Il glaucoma può essere affrontato con una terapia medica, in genere a base di colliri, con la laserterapia o con una terapia chirurgica. In ogni caso ciò da cui non si può prescindere sono controlli regolari.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI