• Ricette vegane: plumcake alle mandorle, cacao e pere
    3011
    39xt21m
    Ricette vegane: plumcake alle mandorle, cacao e pere
    cucina-e-ricette

    Un dolce estremamente goloso, perfetto per colazione o per merenda: ecco la ricetta vegana dei plumcake alle mandorle, cacao e pere.

     

  • Ricette vegane: falafel con hummus di barbabietola
    3006
    vfwv21f
    Ricette vegane: falafel con hummus di barbabietola
    cucina-e-ricette

    Una ricetta vegana di origine mediorientale ma molto amata e diffusa anche in Occidente: ecco come preparare i falafel con una colorata variante della tradizionale salsa di ceci.

  • Ricette vegane: polpettine di lenticchie al sugo
    3012
    s0ga21l
    Ricette vegane: polpettine di lenticchie al sugo
    cucina-e-ricette

    Profumate, saporite, invitanti: le polpettine di lenticchie al sugo sono un piatto vegan che vale decisamente la pena provare. Ecco come prepararle!


  • Apri TV

titolo

  • Ricette vegane: plumcake alle mandorle, cacao e pere
    3011
    39xt21m
    Ricette vegane: plumcake alle mandorle, cacao e pere
    cucina-e-ricette

    Un dolce estremamente goloso, perfetto per colazione o per merenda: ecco la ricetta vegana dei plumcake alle mandorle, cacao e pere.

     

  • Ricette vegane: falafel con hummus di barbabietola
    3006
    vfwv21f
    Ricette vegane: falafel con hummus di barbabietola
    cucina-e-ricette

    Una ricetta vegana di origine mediorientale ma molto amata e diffusa anche in Occidente: ecco come preparare i falafel con una colorata variante della tradizionale salsa di ceci.

  • Ricette vegane: polpettine di lenticchie al sugo
    3012
    s0ga21l
    Ricette vegane: polpettine di lenticchie al sugo
    cucina-e-ricette

    Profumate, saporite, invitanti: le polpettine di lenticchie al sugo sono un piatto vegan che vale decisamente la pena provare. Ecco come prepararle!

Jessica Polsky
Jessica Polsky

Lost in translation: un'americana in Italia

Italia e USA: senso del pericolo a confronto

Italiani e americani hanno un concetto di "pericolo" molto diverso. Jessica ci racconta quali delle sue abitudini in Italia siano considerate addirittura ... rischiosissime! 

Una delle divergenze più divertenti che io abbia rovato tra la mia cultura made in US e quella italiana si esprime benissimo nel concetto di pericolo.

In qualità di cittadina americana ed italiana se dovessi rispettare le avvertenze di entrambi i paesi dovrei ragionevolmente chiudermi nell'armadio, a chiave

Ad esempio, una delle cose che più amo fare, sopratutto quando fa caldo, è uscire con i capelli bagnati. Molto spesso, salto dalla doccia a fuori, fermandomi solo per vestirmi al volo. Matematicamente, quando vado in giro così, anche i totali sconosciuti (e, sopratutto le signore di una cert'età) con dispiacere e premura -anche un po' allarmate talvolta - mi riproverano per questo fatto, certi del fatto che, così facendo, di sicuro farò una brutta fine.

La stessa cosa vale per un’ altra mia abitudine: andare in giro a piedi nudi.
Lo farei anche fuori casa, ma sicuramente in casa non esiste per me la possibilità di indossare delle scarpe. Anche questa mia abitudine, secondo la maggior parte delle persone italiane, mi condurrà, presto o tardi, in ospedale con una polmonite (forse meritata perché decisamente, secondo loro, me la sono cercata), in qualsiasi stagione ci si trovi.

Ci sono profondissime differenze anche sull'aria condizionata: negli Sati Uniti si ritiene che vivere senza possa costituire pericolo di morte! Non parliamo poi di quanto gli italiani abbiano a cuore, in ogni cosa, la salute del fegato.... In US non si sente mai neanche nominare.
Ma se volete veramente scioccare un americano, e vedere un'espressione di allarme sul suo volto, guardate la faccia che farà mentre diamo a un bambino il famoso “dito di vino.... “ 








Credit Foto © vinnstock - Fotolia.com
Credito Foto Jessica Polsky © Fabrizio Marchesi
 



SEGUICI