• Ricette vegane: plumcake alle mandorle, cacao e pere
    3011
    39xt21m
    Ricette vegane: plumcake alle mandorle, cacao e pere
    cucina-e-ricette

    Un dolce estremamente goloso, perfetto per colazione o per merenda: ecco la ricetta vegana dei plumcake alle mandorle, cacao e pere.

     

  • Ricette vegane: falafel con hummus di barbabietola
    3006
    vfwv21f
    Ricette vegane: falafel con hummus di barbabietola
    cucina-e-ricette

    Una ricetta vegana di origine mediorientale ma molto amata e diffusa anche in Occidente: ecco come preparare i falafel con una colorata variante della tradizionale salsa di ceci.

  • Ricette vegane: polpettine di lenticchie al sugo
    3012
    s0ga21l
    Ricette vegane: polpettine di lenticchie al sugo
    cucina-e-ricette

    Profumate, saporite, invitanti: le polpettine di lenticchie al sugo sono un piatto vegan che vale decisamente la pena provare. Ecco come prepararle!


  • Apri TV

titolo

  • Ricette vegane: plumcake alle mandorle, cacao e pere
    3011
    39xt21m
    Ricette vegane: plumcake alle mandorle, cacao e pere
    cucina-e-ricette

    Un dolce estremamente goloso, perfetto per colazione o per merenda: ecco la ricetta vegana dei plumcake alle mandorle, cacao e pere.

     

  • Ricette vegane: falafel con hummus di barbabietola
    3006
    vfwv21f
    Ricette vegane: falafel con hummus di barbabietola
    cucina-e-ricette

    Una ricetta vegana di origine mediorientale ma molto amata e diffusa anche in Occidente: ecco come preparare i falafel con una colorata variante della tradizionale salsa di ceci.

  • Ricette vegane: polpettine di lenticchie al sugo
    3012
    s0ga21l
    Ricette vegane: polpettine di lenticchie al sugo
    cucina-e-ricette

    Profumate, saporite, invitanti: le polpettine di lenticchie al sugo sono un piatto vegan che vale decisamente la pena provare. Ecco come prepararle!

Jessica Polsky
Jessica Polsky

Lost in translation: un'americana in Italia

Così lontano così vicino: distanze italiane e USA a confronto

Il concetto di distanza è qualcosa di oggettivo? Scopriamolo con Jessica!

Tra tutti gli shock di un americano in Italia (e di un italiano negli USA), uno dei più difficili a cui abituarsi è il concetto (moooolto relativo) di distanza. Anche dopo tutti gli anni che ho passato in Italia, è una cosa che mi fa un sacco ridere.

Calcolate che gli Stati Uniti coprono una superficie totale di quasi 10.000.000 di km quadrati e…questo, vi assicuro, produce l’effetto di farti sentire molto piccolo.
Da New York a Los Angeles in aereo sono quasi 5 ore. Fare solo il Texas, casa mia, dalla frontiera ovest alla frontiera est in macchina, se non ti fermi mai, significa stare 13 ore in auto.

Il Texas ha, all’incirca, la superficie dell'Italia... ed è solo uno dei 50 stati!
Quando ero piccola i miei nonni abitavano a 7 ore di macchina da noi, ed erano, ovviamente, “vicinissimi”: si faceva “un salto” a trovarli ogni tanto, senza problemi.

Quando sono qua in Italia mi capita di proporre un viaggetto ad amici, o di accettare un lavoro che richiede uno spostamento, o di pianificare qualcosa insieme ad altri, e vedo che il mio concetto di “fin là “ proprio non combacia con quello dei miei amici italiani.

Per far sgranare gli occhi e dire “fin là!?????!“ a me… ce ne vuole.

Qua in Italia le distanze sono tutte mini e io adoro questo aspetto del vivere in Italia perché mi dà una forte sensazione di libertà

mi sembra di poter gestire le distanze e coprirle con facilità vedendo il più possibile di questo bellissimo paese.
Ovviamente tutto è relativo :) . 

Mi ricordo uno scambio con una signora ad Amalfi, che si lamentava con me del fatto che la figlia si fosse fidanzata con un ragazzo che non le piaceva. “Beh,” - mi ha detto- “Non è gente nostra”, non ci potremo mai capire.” “E perché?” - le ho chiesto io- “insomma” - mi ha risposto lei- “non è delle nostre parti. E' di SORRENTO, sa … fin là…!!”

P.S. my beloved italians...

Credit Foto © James Thew - Fotolia.com; Foto J.Polsky di Daniele Castrogiovanni per Rai



SEGUICI