Come arredare un monolocale

Guida Guida

Da ormai parecchi anni i monolocali rappresentano la formula abitativa più in voga tra i giovani e i singles: un piccolo spazio oltre ad essere meno costoso e meno caro da riscaldare, da ripulire e riordinare, è anche più facile da arredare poiché offre maggiori possibilità di cambiare l’arredamento ogni volta che lo si desidera. Uno spazio piccolo, se arredato in maniera accogliente e intima, può trasformarsi in una vera e propria oasi di pace ma se non ti senti abbastanza sicuro delle tue scelte puoi consultare un architetto o un arredatore, tuttavia se seguirai alcuni semplici consigli potrai tu stesso arredare al meglio il tuo monolocale.

Da ormai parecchi anni i monolocali rappresentano la formula abitativa più in voga tra i giovani e i singles: un piccolo spazio oltre ad essere meno costoso e meno caro da riscaldare, da ripulire e riordinare, è anche più facile da arredare poiché offre maggiori possibilità di cambiare l’arredamento ogni volta che lo si desidera. Uno spazio piccolo, se arredato in maniera accogliente e intima, può trasformarsi in una vera e propria oasi di pace ma se non ti senti abbastanza sicuro delle tue scelte puoi consultare un architetto o un arredatore, tuttavia se seguirai alcuni semplici consigli potrai tu stesso arredare al meglio il tuo monolocale.

I monolocali sono ambienti versatili e flessibili, in grado di modificarsi a seconda delle proprie esigenze purché lo spazio sia organizzato in modo sapiente: la regola d’oro consiste nel ridurre al minimo il disordine altrimenti i diversi componenti di arredo delle varie aree cominceranno a sovrapporsi dando vita al caos.

Vivere in un unico spazio alla lunga potrebbe risultare noioso e opprimente, devi perciò introdurre delle varianti  per movimentare lo spazio:  non posizionare gli arredi ad angolo retto con i muri ma disponili in diagonale, in questo modo risulteranno più interessanti e si creeranno spazi imprevisti. Posiziona l’armadio, meglio se a muro, contro una sola parete e concentra utensili della cucina ed elettrodomestici in un unico lato, la zona lavoro e il living possono benissimo occupare il centro del locale.

Crea dei dislivelli per interrompere l’uniformità dello spazio e creare un illusione di ambienti in sequenza: ad esempio se il soffitto è abbastanza alto da consentirlo, allestisci un soppalco come zona notte o stanza ospiti oppure crea una zona rialzata, accessibile mediante un paio di gradini oppure alza una parete in cartongesso in modo da formare una sorta di quinta che nasconde l’area notte o l’angolo cottura. Ovviamente, poiché la sicurezza è un elemento fondamentale, rivolgiti ad un professionista quando intendi praticare interventi strutturali.

Il tuo monolocale risulterà riposante se ti atterrai ad uno schema organizzato, rigoroso e armonico sia dal punto di vista della scelta dello stile che dei colori: opta per un stile unico ed evita un’eccessiva varietà di colori che conferirebbero all’ambiente un aspetto caotico prediligendo tonalità neutre e tenui. Se proprio non vuoi rinunciare ad un colore acceso limitane l’uso su una sola parete e in motivi decorativi come i cuscini, dei vasi o altri oggetti di arredo.

Il tuo monolocale ti sembrerà più ampio se lo arrederai con mobili e infissi di piccole dimensioni: si tratta solo di un’illusione ottica che però ti eviterà di provare un senso di oppressione. Altro trucco ottico consiste nel posizionare in punti strategici degli specchi, meglio se in un angolo e piuttosto in alto per evitare un eccessivo contatto visivo: gli specchi faranno sembrare più grande il locale e ti regaleranno più luce.

Abitando in un monolocale potrai osare ed essere indulgente nell’acquisto di arredi di lusso, viceversa arredare una casa grande secondo il tuo stile preferito, sia esso di antiquariato o di design di tendenza, potrebbe arrivare a costare troppo e risultare decisamente eccessivo.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI