Come scegliere la giusta libreria: alcuni consigli dal Salone del libro di Torino

Guida Guida

Una visita al Salone Internazionale del libro di Torino rappresenterà certamente un’occasione ghiotta per procurarti nuovi libri che si andranno ad aggiungere a quelli che hai già a casa: ma dove sistemarli? Lo spazio è quello che è e se non vuoi separarti dai volumi più vecchi per far posto a quelli nuovi, non puoi fare altro che aggiungere nuovi scaffali a una parete oppure procurarti una nuova libreria: ma come fare a scegliere quella giusta?

Una visita alSalone Internazionale del libro di Torino rappresenterà certamente un’occasione ghiotta per procurarti nuovi libri che si andranno ad aggiungere a quelli che hai già a casa: ma dove sistemarli? Lo spazio è quello che è e se non vuoi separarti dai volumi più vecchi per far posto a quelli nuovi, non puoi fare altro che aggiungere nuovi scaffali a una parete oppure procurarti una nuova libreria: ma come fare a scegliere quella giusta?

Se opti per delle librerie economiche, la cosa migliore per mimetizzarne la bassa qualità o gli eventuali difetti è riempirle completamente di oggetti e libri e di scegliere un modello che occupi magari tutta la parete e che sia a tutt’altezza: infatti librerie piccole e isolate non fanno altro che creare un look frammentario e mettere in evidenza le imperfezioni.

Opta per librerie dallo stile lineare e dal colore uniforme che ben si abbini alle pareti della stanza e agli altri elementi d’arredo come i divani, le poltrone e le tende.

Se sei un amante di oggetti di antiquariato puoi acquistare vecchie librerie in legno massiccio, magari dotate di ante in vetro: oltre ad essere esteticamente piacevoli, proteggono meglio i libri dalla polvere, conservandoli inoltre da umidità, muffe e insetti indesiderati come tarli e termiti.

Se invece sei più un tipo da design contemporaneo puoi sbizzarrirti scegliendo tra forme, colori e materiali tra i più disparati, optando per scaffali in vetro o mensole in metallo oppure per l’originale e ormai noto “bookworm” di Ron Arad, una libreria che consiste in una striscia di plastica colorata fissata alla parete in modo da formare una curva sinuosa. Ci sono altre proposte per una libreria di design

Non solo le pareti del soggiorno o dello studio si prestano ad ospitare librerie: puoi sfruttare ogni angolo della casa, posizionando scaffali su misura, ad esempio nelle nicchie ai lati del camino; un ingresso insignificante può  trasformarsi in un ambiente più sofisticato con la presenza di mensole ricche di libri; un vano sottoscala può rivelarsi il posto ideale per una serie di scaffali per libri, un angolo disadorno può ospitare una libreria costruita su misura. L’importante è assicurarsi sempre che gli scaffali montati siano abbastanza robusti per sorreggere il peso per cui sono destinati: sarebbe proprio un brutto spettacolo vedere una mensola spezzarsi facendo cadere a terra i tuoi amati volumi!

 

nella foto "Oh, the farmer and the cowman should be friends", Ron Arad 2009

Ovunque sistemerai i tuoi libri ricorda di spolverarli periodicamente con un pennello morbido e almeno due volte l’anno, soprattutto in primavera, toglili dagli scaffali e lasciali aperti per qualche ora all’aria.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI