Come riconoscere un mobile antico in stile Luigi XIV

Guida Guida

Sontuoso e imponente, è lo stile che caratterizza i mobili realizzati durante il regno del Re Sole.

I mobili realizzati in Francia durante il regno di Luigi XIV (1661-1715) sono maestosi, imponenti ed arricchiti da preziose tecniche decorative, prima fra tutte l’intarsio Boulle, dal nome del suo celebre inventore, l’ebanista André Charles Boulle.

Per la prima volta s’impone uno stile ufficiale, non solo per volontà del sovrano ma anche per volere dei suoi collaboratori: il pittore-decoratore Charles Le Brun, principale artefice dello stile basato sulla simmetria delle forme e sulla sontuosità degli ornati, e l’architetto-incisore Jean Bérain che fa conoscere e amare ai francesi l’arte orientale, soprattutto cinese.

I mobili in stile Luigi XIV, così ricchi di intarsi, necessitano di legni massicci e solidi come il noce e il rovere che spesso vengono tinti o dorati e a volte sono placcati con legni policromi come il bosso, il mandorlo, il sicomoro e l’agrifoglio.
Il repertorio decorativo, caratterizzato da un’impostazione simmetrica e solenne, vede l’uso di ornamenti in bronzo e la presenza di ghirlande, teste femminili e figure tratte dal mondo classico come chimere e fauni. Tipici dell’epoca sono i tavoli e le consoles, in legno dorato e intarsiato, dalle maestose proporzioni e dai decori massicci: le gambe sono spesso unite da una traversa a forma di X, il piano è quasi sempre rettangolare e in marmo pregiato o in alabastro e sotto di esso compare la caratteristica fascia sottopiano spesso scolpita con un mascherone centrale e decori laterali.

Si affermano inoltre due nuovi modelli di scrivania: il bureau plat e il bureau Mazarin.

Il bureau plat è un grande tavolo intarsiato con gambe ricurve, un piano in pelle e un paio di cassetti nella fascia sottopiano, il bureau Mazarin è un mobile a più cassetti sostenuto da otto gambe, riunite a quattro a quattro, da traverse ad H o a X. Le sedie e le poltrone diventano, mai come prima, comode e maestose e presentano:

  • uno schienale alto e imponente
  • imbottiture fissate alla struttura con chiodi e passamanerie 
  • braccioli incurvati che terminano con una voluta
  • piedi a bulbo schiacciato o a zampa di leone 
  • gambe tra loro unite dalla caratteristica traversa ad X o ad H

Un altro mobile tipico di questo periodo è il commode, un cassettone presente nelle camere da letto e nei saloni, dalla forma compatta e squadrata, il piano in marmo e i cassetti intarsiati alla moda di Boulle.
L’intarsio Boulle è una tecnica che consiste nell’alternare o sovrapporre lamine di metallo (ottone, rame o argento) con lamine di materiale corneo come la tartaruga, la madreperla o l’osso.
 

photo tratta notesdemusees.blogspot.it

Le lit de repos

Durante il regno di Luigi XIV si diffonde l’uso del lit de repos, una poltrona allungata che poggia su otto gambe collegate da una traversa.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI