Come ottenere le agevolazioni fiscali sulle ristrutturazioni edilizie

Guida Guida

Il governo Letta ha varato la riforma che porta il bonus per le ristrutturazione della casa al 50%: scopri in cosa consistono i nuovi provvedimenti. 

Dalla ristrutturazione del tetto all’acquisto di nuove caldaie, porte e finestre: cerchiamo di capire quali sono gli sgravi fiscali che è possibile ottenere a seguito del decreto legge approvato recentemente dal governo Letta.

Innanzitutto devi sapere che gli ecobonus e le agevolazioni sulle ristrutturazioni edilizie sono state prorogate fino al 31 dicembre, per cui se hai intenzione in questi mesi di effettuare dei lavori in casa o acquistare nuovi mobili ad incasso sappi che, conservando la documentazione dell’avvenuto pagamento tramite bonifici bancari e postali, potrai avere diritto a delle consistenti detrazioni fiscali.

Per quanto riguarda le ristrutturazioni edilizie è stato stabilito un bonus del 50% fino ad una spesa di 96 mila euro distribuita su dieci anni, in rate dal valore costante.

Rientrano in quest’ambito i lavori di manutenzione edilizia ordinaria, straordinaria nonché la costruzione di parti accessorie come un garage o di strutture rivolte a rimuovere le barriere architettoniche. Nella normativa appena approvata sono compresi anche gli interventi d’installazione di impianti di domotica, di impianti di sicurezza e di impianti finalizzati all’abbattimento dell’inquinamento acustico nonché i lavori di bonifica da sostanze pericolose come l’amianto.

Tra le novità del decreto si trova anche la possibilità di ottenere delle detrazioni fiscali a seguito di lavori rivolti ad adeguare gli edifici alla normativa antisismica

Potranno beneficiare di queste agevolazioni sia i proprietari dell’immobile sia coloro che ne detengono la semplice nuda proprietà o l’usufrutto oltre a coloro che sono in affitto o in comodato.

Le detrazioni fiscali del 50%, oltre ad essere legate ai lavori di ristrutturazione, sono state previste anche per l’acquisto di mobili ma soltanto per quelli riguardanti l’oggetto d’intervento: per intenderci se, ad esempio, decidi di ristrutturare la cucina, potrai chiedere la detrazione anche per i mobili che la compongono, per una spesa fino a 10 mila euro, invece se ristrutturi il bagno non puoi richiederla per l’acquisto di un comodino o di un divano del soggiorno.
Dal 1 luglio fino al 31 dicembre 2013 saliranno poi addirittura al 65% le agevolazione per interventi di ristrutturazione che comportano un risparmio energetico come le caldaie a condensazione, l’installazione di pannelli solari per l’acqua calda, la coibentazione di sottotetti e l’installazione di finestre e infissi a tenuta termica.

Foto © Gerhard Seybert - Fotolia.com

Misura anti-evasione fiscale

I pagamenti da presentare per poter ottenere le detrazioni fiscali devono essere effettuati tramite bonifico tracciabile, bancario o postale: deve risultare chiaramente la causale del versamento nonché alcuni dati come il codice fiscale oppure la partita Iva.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI