Le 5 piante più velenose

Classifica Classifica

Durante una passeggiata nei boschi sapresti riconoscere le piante velenose? Ecco le cinque che faresti meglio a non raccogliere.  

E’ importante conoscere le piante velenose: se ti avventuri tra i boschi o in campagna per raccogliere erbe spontanee consulta un buon erbario e nel dubbio chiedi aiuto a un esperto. Le foglie, i fiori e i frutti di alcune piante possono essere letali se ingeriti. Ecco allora una lista delle piante considerate più tossiche e pericolose.

5. Tasso (Taxus baccata)

Credit commons.wikimedia.org

Le bacche e tutte le parti del tasso contengono alcaloidi tossici, come la tassina, che causano tremori, problemi respiratori e cardiaci e quindi la morte per paralisi cardiaca o respiratoria.

4. Ricino (Ricinus communis)

Credit commons.wikimedia.org

Il ricino è famoso per l'olio di ricino che non è tossico mentre lo sono i suoi semi che se masticati possono provocare addirittura la morte.

3. Oleandro (Nerium oleander)

Credit www.balestravivai.it

L'oleandro contiene oleandrina e diversi alcaloidi tossici che causano tachicardia, disturbi gastrici, disturbi del sistema nervoso centrale e persino la morte.

2. Cicuta (Conium maculatum)

Credit wnmu.edu

La cicuta presenta alcaloidi altamente velenosi: in particolare i frutti verdi contengono la più elevata concentrazione di veleno.

1. Belladonna (Atropa belladonna)

Credit crowrahgozar.blogspot.com

Le bacche di belladonna, se ingerite, provocano aridità della fauci, vomito, prurito, allucinazioni, coma e morte.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI