Come progettare fontane e cascate per il giardino

Guida Guida

Se hai la fortuna di avere un giardino spazioso hai mai pensato di creare un angolo dove posizionare una fontana o un piccolo ruscello con delle cascate? L’acqua in movimento conferisce fascino e freschezza all’ambiente in cui viene inserita: ecco alcuno consigli per decidere come progettare al meglio il tuo spazio acquatico.

Se hai la fortuna di avere un giardino spazioso hai mai pensato di creare un angolo dove posizionare una fontana o un piccolo ruscello con delle cascate? L’acqua in movimento conferisce fascino e freschezza all’ambiente in cui viene inserita: ecco alcuno consigli per decidere come progettare al meglio il tuo spazio acquatico.

Cascate e zampilli possono essere realizzati anche in piccole vasche installando un sistema di pompe che sollevano l’acqua sopra un pendìo facendola ricadere oppure proiettandola verso l’alto. Esistono sistemi in cui le pompe vanno posizionate sopra il livello d’acqua, in uno scomparto asciutto e ben ventilato, situato presso la vasca: un tubo adescante aspira l’acqua e uno di mandata la conduce sopra la cascata, entrambi sono interrati per proteggerli dal gelo e nasconderli dalla vista. Altri sistemi invece comportano pompe sommerse silenziose e sicure, disposte sott’acqua con un ugello che sporge appena in superficie

Tieni presente che i zampilli stonano in bacini irregolari perche sono percepiti come innaturali, mentre sono più idonei per vasche circolari e regolari: l’altezza dello zampillo non dovrebbe mai superare il raggio della vasca per evitare spruzzi in giorni ventosi. Per creare effetti più naturali puoi tenere lo zampillo molto basso in modo da far ribollire la superficie dell’acqua simulando l’effetto di una sorgente subacquea.

Se disponi di poco spazio invece di cascate puoi installare una fontana a muro oppure altri modelli di fontane. Ne esistono di diverse tipologie costruttive, da quelle statiche alle fontane a raso (cioè senza bordo di contenimento), da quelle a sfioro a quelle sequenziali o danzanti: qualunque modello tu decida di acquistare, rivolgiti a dei tecnici specializzati che ti consiglieranno anche sul sistema idraulico di pompe, il trattamento chimico e batteriologico delle acque e sui giochi d’acqua e luce.

Se invece preferisci creare un ruscello posizionando sulle sonde piante amanti dell’umidità, evita tratti rettilinei e prediligi un percorso variabile e sinuoso magari creando piccoli salti e sfruttando i dislivelli naturali del terreno.

Per evitare che l’acqua si intorbidisca distribuisci uno strato di ghiaia sul fondo e reimmettila periodicamente nel caso in cui la corrente l’abbia fatta affondare troppo nel letto del ruscello.

Non dimenticare poi di aggiungere importanti complementi d’arredo come dei piccoli ponti: sono in grado di aggiungere grazia al tuo giardino acquatico. Il modello più semplice è in pietra ma attento a non costruirne di troppo pesanti, saranno sufficienti allo scopo anche semplici ponti in legno: in commercio ne trovi di diversi modelli prefabbricati che hanno il vantaggio di essere resistenti, durevoli e di non richiedere una particolare manutenzione.

Un’alternativa al classico ponticello è il guado in pietre posizionate nell’acqua: posiziona le pietre in modo da riprodurre il passo di una persona di media altezza, cioè posizionale piuttosto vicino e in modo da fuoriuscire dall’acqua.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI