Come coltivare il gladiolo

Guida Guida

Ecco un'altra pianta bellissima per il nostro giardino: il gladiolo!  

Oltre 300 specie per il gladiolo, pianta con lunghe spighe fiorite, utilizzate spesso come ornamento. I fiori, imbutiformi, sono di varie gradazioni di arancione, passando per il bianco ed il rosa. Purtroppo la fioritura è abbastanza breve, ma sviluppandosi dal basso verso l'alto, vedrete una vera e proprio progressione. Ecco alcuni consigli su come coltivare il gladiolo.

Il gladiolo è coltivabile in piena terra, perfetto per aiuole o bordure, con la piantagione dei bulbi che va fatta in primavera, così da evitare temperature troppo rigide e gelate. Il terreno deve essere di medio impasto e ben drenato, in caso di terreno compatto, deve essere misto a sabbia e ben concimato.

I fiori vanno piantati a circa 10 centimetri di distanza l'uno dall'altro, se fate delle file, distanziatele di circa 30 centimetri.  

L'importanza della luce

Sole e luce sono fondamentali per il gladiolo, quindi evitate zone d'ombra per la piantagione, inoltre, non temono le temperature alte, almeno fino a 25-30 gradi (anche se l'ideale è tra i 18 ed i 22 °C).

Dopo averle piantate iniziate a bagnarle con costanza, soprattutto durante i mesi estivi e più caldi.

Attenzione ai funghi, e specificatamente alla fusariosi che danneggia il bulbo e può uccidere la pianta, utilizzate dei buoni fungicidi per combatterla. Anche la ruggine è pericolosa, così come acari e afidi, non lasciate che crescano e creino problemi, appena li notate, eliminateli.

Macchie blu

Non comprare mai piante che mostrano macchie bluastre, in questo caso sono state mal conservate

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI