Come scegliere il giusto terriccio per la semina

Guida Guida

Per una sana crescita delle piante è importante scegliere il terriccio più idoneo che dovrà fornire nutrimento ai semi e permettere un facile sviluppo delle radici

Il segreto per far crescere correttamente una piantina è un buon terriccio: certamente fattori come l'acqua, l'ossigeno, il calore e l’alternanza di luce e oscurità sono importantissimi per far germinare un seme ma è il substrato che determina una crescita sana della pianta.

Il terriccio per la semina deve essere soffice e permeabile in modo da consentire un rigoglioso sviluppo delle radici, inoltre deve essere in grado di assorbire e mantenere l’umidità senza che si formino ristagni

Poiché le piante nelle prime fasi di crescita traggono nutrimento dalle riserve energetiche contenute nel seme, non è necessario che il substrato sia particolarmente ricco di elementi nutritivi anzi, se il terriccio risulta concimato, le sottili e giovani radici possono venire danneggiate.

Ecco perché quando si semina è necessario scegliere appositi terricci e non affidarsi ai normali terricci per piante che si trovano in commercio. Vanno impiegati ad esempio terricci a base di torba poveri di nutrimenti oppure preparare da sé un terriccio con la seguente composizione:

  • 1/3 di terra da orto
  • 1/3 di compost maturo
  • 1/3 di sabbia
  • un po’ di argilla espansa per garantire permeabilità

E’ poi fondamentale che il substrato utilizzato per la semina non presenti germi o semi infestanti per cui occorre rivolgersi a vivai professionali dove i terricci vengono sterilizzati.

Eventualmente si può sterilizzare la terra anche nel forno di casa propria usando piccole quantità avvolte in un foglio di alluminio o disposte in un vecchio tegame con coperchio.

La temperatura del forno deve raggiungere almeno i 150°C e la terra va sterilizzata per almeno mezz’ora poi, una volta raffreddata, la si può usare immediatamente oppure conservare in un sacchetto chiuso.

Prima di distribuire i semi il terriccio va sempre bagnato, quindi si premono i semi nella terra e li si ricopre con del terriccio asciutto stendendo uno strato che equivale a due o tre volte lo spessore del seme.

Foto © alexkharkov - Fotolia.com

Mesi di semina

A seconda della zona e del clima le semine vanno effettuate nei primi mesi dell’anno, da gennaio a marzo.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI