Come riparare le scheggiature di un mobile

Guida Guida

Se, a causa di un urto, il tuo mobile preferito si è scheggiato, puoi intervenire in diversi modi per riparare il danno a seconda dell'entità del graffio.

Qualsiasi mobile, con il passare degli anni, subisce graffi, rigonfiamenti, screpolature: i danni più frequenti sono le scheggiature dovute a piccoli urti e il formarsi di bolle, che rivelano uno scollamento del legno dovuto all’umidità ambientale.

In genere puoi risolvere il problema in maniera piuttosto semplice purché ovviamente il danno sia preso in tempo: cerca quindi di intervenire il prima possibile per evitare il peggioramento della situazione.

Se il mobile presenta delle fessure poco profonde prova ad occluderle con appositi stick di cera colorata facendo ovviamente attenzione che il colore sia il più simile possibile al legno da riparare.

Se invece la fessura è lunga e irregolare riempila con una striscia di piallaccio preventivamente bagnata così da essere più morbida e flessibile. Spalma la striscia con colla vinilica e inseriscila nella fessura: asporta con un cutter la parte che fuoriesce dalla fessura facendo attenzione a non scalfire con la lama il legno del mobile. Poi, per ottenere un buon risultato finale, liscia la superficie riparata con una pialla manuale o una levigatrice orbitale.

Se lungo i bordi di un mobile impiallacciato si sono formate delle piccole scheggiature prova ad applicare un sottile strato di stucco per legno che, una volta essiccato, va levigato con della carta vetrata finissima.

Per otturare invece crepe di una certa dimensione prova ad usare della resina epossidica mescolata a segatura fine. Per far si che lo stucco rimanga bene attaccato al legno sottostante inserisci nella fessura dei chiodini a testa larga in modo che le teste risultino sotto la superficie, quindi proteggi la zona circostante con del nastro da carrozziere e deposita un abbondante strato di stucco che, una volta asciutto, devi levigare con carta vetrata.

photo credit: Nature form furniture via photopin cc

Strato protettivo

Dopo aver levigato e pulito un mobile è sempre opportuno passare, con un pennello o uno spray, almeno tre strati di vernice protettiva colorata o trasparente (un liquido a base oleosa o sintetica), in modo da formare un film protettivo e resistente. 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI