Come avviene la segnalazione di porte aperte con la domotica

Guida Guida

Grazie all’installazione di un sistema domotico, attraverso un semplice sensore, è possibile controllare lo stato di apertura di una porta o di una finestra. Ecco come fare.

La domotica ci viene in aiuto anche nei casi in cui sia necessario controllare lo stato di chiusura e apertura di una o più porte di casa.

Basta la presenza di un semplice sensore a contatto magnetico, di solito come quelli usati negli impianti antintrusione, per accorgersi se una porta o una finestra è stata aperta.

Diversi sono gli scopi che vengono raggiunti con questo tipo di opzione, ad esempio per controllare se il cancello esterno è rimasto aperto oppure per verificare se una persona affetta da handicap, magari un anziano con demenza senile, è uscito da una stanza.

E ancora, è possibile sapere con questa funzione se la porta del frigorifero o del freezer è rimasta aperta o se il cancelletto di protezione anticaduta dalle scale per bambini  è stato aperto.

Questi sono solo alcuni degli impieghi in cui il controllo di chiusura di una porta, tramite sistema domotico, può essere utile ma molte altre possono essere le applicazioni.


Tramite un sensore a contatto magnetico, a vista, viene segnalata la condizione di anomalia e subito segnalata tramite allarme acustico o luminoso.

In base al tipo di programmazione del sistema domotico si può gestire la segnalazione dell’anomalia anche in altri modi: ad esempio inviando un sms a un famigliare che si trova in un'altra zona della casa o al di fuori di essa, oppure trasmettendo la segnalazione a un centro di controllo e assistenza o anche a un numero prestabilito tramite un remotizzatore GSM.

photo Door via photopin.com

Domotica e porte

Questa funzione, essendo di tipo automatico, è indipendente dai dispositivi di comando. 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI