Come valutare l’abitabilità di un sottotetto

Guida Guida

Vuoi rendere il sottotetto di casa tua abitabile a tutti gli effetti? Presta attenzione a volumetria, altezza, aperture e vincoli di natura storico-artistica. Ecco tutti i dettagli.

Se hai intenzione di trasformare il sottotetto di casa tua in una mansarda abitabile devi accertarti che esitano una serie di presupposti riguardanti la volumetria, l’altezza, le aperture e gli eventuali vincoli di carattere storico-artistico.

Tieni presente però che tali presupposti variano da un comune all’altro in base alle differenti normative residenziali per cui devi informarti bene prima di dare inizio a qualsiasi progetto. 

Dovrai far valutare ad un perito la volumetria residua dell’area su cui sorge la tua casa e qualora non sussistesse la disponibilità volumetrica sufficiente non potrai trasformare il tuo sottotetto in una mansarda abitabile.

Dovrai inoltre controllare le disposizione relative alle distanze dai confini: infatti, poiché la trasformazione di un sottotetto in un locale abitabile costituisce a tutti gli effetti una nuova edificazione, sarà necessario verificare che i muri esterni del sottotetto non siano troppo vicini agli edifici circostanti.

I muri del sottotetto dovranno essere sufficientemente distanti dai confini dell’area, altrimenti ti toccherà diminuire la superficie abitabile facendoli rientrare.

mansarda_abitabile

E’ importante poi verificare l’altezza media del sottotetto che varia a seconda dei comuni di residenza: in genere comunque l’altezza media, ottenuta dividendo il volume del sottotetto per la sua superficie, è di circa 2 metri e 70 cm.

Entrando più nel dettaglio, l’altezza minima per camere da letto, soggiorni e cucine è di 2 metri e 10 cm mentre per i bagni e i locali di servizio è di 2 metri e 40 cm.

Per quel che concerne poi le aperture atte a garantire una corretta illuminazione e aerazione del sottotetto bisogna accertarsi che finestre, abbaini e lucernari siano pari almeno a 1/8 o 1/10 della superficie del pavimento.

Anche in questo caso devi controllare cosa dicono le norme contenute nei regolamenti d’igiene del tuo comune.

Solo se tutti questi criteri saranno rispettati, potrai tranquillamente procedere alla progettazione della tua mansarda.

Foto © Miredi - Fotolia.com

Vincoli architettonici o ambientali

Verifica l’esistenza di vincoli di carattere artistico-architettonico o ambientali dell’edificio dove abiti e dove intendi realizzare la mansarda: a seconda del tipo di vincolo dovrai attenerti alle istruzioni della Sovrintendenza competente per territorio.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI