Perché scegliere un maialino nano come animale domestico

Notizia Notizia

Il dominio dei gatti e dei cani come uniche razze tra cui scegliere per avere un animale da compagnia, è finito. Ecco perché un maialino nano può rappresentare una valida alternativa 

Perché scegliere un maialino nano come animale domestico

Il regno del "cane miglior amico dell'uomo" sembra finito. O almeno ridimensionato. Premesso che non si tratta di una gara tra specie, la scelta tra quale animale adottare per condividere la propria vita domestica sta diventando sempre più difficile. Infatti, si va dal piccione al porcellino d'India al maialino nano. Intelligentissimo, affettuoso e fedele, quest'ultimo è anche molto amato dalle star. George Clooney ad esempio non ha mai dimenticato il suo amato Max.

Ecco tutto quello che dovete sapere prima di adottare un maialino nano.

Il maialino nano, detto anche thailandese o vietnamita, è un animale molto amichevole e affettuoso. Ama farsi grattare dietro le orecchie e sulla pancia. Per conquistarlo, non dovete far altro che coccolarlo. I suoi grugniti e l'allegro movimento della coda vi confermeranno l'ormai consolidata amicizia.

La moda di adottare il maialino nano come animale da compagnia è nata in America negli anni '80. Tuttavia per sviluppare al meglio e godere le loro caratteristiche caratteriali, questi animali devono vivere in un posto spazioso e ricevere cure e attenzioni amorevoli.

Inoltre, si deve considerare che alcuni hanno dimensioni considerevoli. Il maialino nano non va infatti confuso con il minipig. Questo animale è come un cane di media taglia per dimensioni e arriva a pesare tra i 50 e un massimo di 150 kg. Se accuditi bene, possono vivere tra i 15 e i 19 anni.

 

Un post condiviso da Saretta🌸 (@saradonina) in data:

Alla nascita possono pesare circa 2 kg. A un anno arrivano tra i 20 e i 40. Intorno ai 3-5 anni si avrà il suo completo sviluppo: potrebbe raggiungere anche i 60 cm di lunghezza.

 Il maialino nano ha bisogno di spazio, tollera poco il vivere chiuso in un appartamento e non sopporta le alte temperature, dato che non ha le ghiandole sudoripare. Una casa con un prato, una cuccia e una piscinetta dove poter godere della frescura dell'acqua, lo faranno felice. Insieme a belle passeggiate nei boschi. In questo caso preparate un guinzaglio e una pettorina tutta per lui.

 

Un post condiviso da Gloria 🐷💃🏻🦄 (@gloriaserradura) in data:

Tra le cure da prestare al maialino nano c'è in prima battuta l'alimentazione. Tutto ciò che avanza in casa equivale per lui a un pranzo succulento: cucina tutto mixando con farina, frutta e verdura, erba fresca, cereali o fiocchi d'avena, più ogni tanto qualche castagna o ghianda matura. Sono molto golosi e potrebbero supplicarvi di mangiare anche in altri momenti: siate ferrei e attenetevi ai due pasti al giorno per evitare che l'animale aumenti troppo di peso e diventi obeso.

Infine, la cura del mantello. Il maialino nano muta le setole (che vanno dal bianco al nero, dal rosso all'argento) e per questo deve essere spazzolato regolarmente. Il veterinario saprà consigliarvi sull'uso di un eventuale e opportuno antiparassitario. 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI