Come capire se il coniglio sta male

Guida Guida

I conigli sono sempre molto restii a mostrarsi malati. Spetta a noi essere più vigili. Ecco come capire quando il coniglio sta male e intervenire.

Il coniglio in natura è un animale da preda e in quanto tale ha capito alla svelta che mostrarsi malato significa diventare cibo per qualche predatore in tempi estremamente brevi. Ciò significa che nel suo DNA si è evoluto un meccanismo di difesa istintivo per cui tenderà a dimostrare il suo malessere solo quando non riuscirà assolutamente a tenerlo nascosto.

Spetta dunque ai proprietari essere particolarmente vigili per capire nel modo più tempestivo possibile se l’amico a quattro zampe ha qualcosa che non va. Vediamo qualche utile consiglio

Segni di malattia in un coniglio devono essere presi subito molto seriamente

Un coniglio non è può essere trattato come un cane o un gatto, nemmeno quando si tratta di salute. Se per uno di questi animali è infatti possibile avere un atteggiamento attendistico rispetto alla comparsa di lievi segni di malessere anche per non esporli a inutili viaggi dal veterinario (con tutto lo stress e il rischio di ammalarsi davvero che ne deriva), con i conigli non si può aspettare.

Un coniglio che si mostra malato non mangia, si mette in un angolo, cambia comportamento, o è troppo “passivo”, va sempre considerato, salvo prova contraria, potenzialmente grave e va fatto visitare il più presto possibile.

Stress e dolore possono far precipitare in fretta la situazione

Un altro motivo per cui temporeggiare se si sospetta che qualcosa non vada nella salute del nostro coniglio è che si tratta di animali con una scarsissima tolleranza al dolore e allo stress: qualunque sia la causa scatenante iniziale, in queste condizioni smettono di mangiare e il digiuno scatena a sua volta una serie di reazioni patologiche potenzialmente più gravi del problema di base.

In pratica anche un problema lieve che però causa un dolore al nostro coniglio (es. denti troppo lunghi), rischia di farlo diventare in fretta un malato grave.

photo credit: Mark Philpott via photopin

Attenzione ai blocchi intestinali

Uno dei problemi che si verificano più di frequente nei conigli, visto anche il tipo di alimentazione, è il “blocco intestinale”. Per eliminare il materiale che si è accumulato in stomaco e intestino bisogna cercare di mantenere l’idratazione e la motilità intestinale somministrando per bocca soluzioni di sali minerali e piccole ma frequenti razioni di cibo aiutandosi con una siringa senz’ago.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI