Come usare le aree verdi per cani

Guida Guida

Le aree verdi dedicate ai cani e agli altri animali sono sempre più diffuse nelle città italiane. Ma per poterne godere appieno è necessario rispettare alcune regole semplici e al tempo stesso fondamentali per una sana convivenza reciproca.

I comuni italiani puntano a diventare sempre più pet friendly, ovvero più vivibili per gli animali e per chi li ama. In questa direzione va anche la creazione di spazi verdi in cui gli animali e, i cani in particolare, possono giocare tranquillamente e socializzare tra loro senza creare problemi agli altri cittadini che potrebbero essere intimoriti o infastiditi dalla presenza degli animali.
La crescita esponenziale del numero di queste aree "a misura di cani e padroni" dimostra l'apprezzamento sia da parte di tutti i cittadini che delle amministrazioni comunali. Tuttavia è bene precisare che

la loro presenza va vissuta come un diritto ma anche come un privilegio

In altri termini nessuno dovrebbe sentirsi autorizzato a usufruire delle aree verdi per cani in assoluta libertà o facendo ciò che meglio crede. Esistono, infatti, delle regole da rispettare che sono nell’interesse di tutti.

Ecco una piccola guida per capire come utilizzare al meglio le aree verdi per i cani e godere della preziosa opportunità di convivenza e socializzazione fra gli animali.

Un decalogo per tutte le aree verdi

 

  1. Raccogliere le feci e gettarle negli appositi contenitori: il fatto di trovarsi in un’area apposita per cani non significa che dobbiamo dimenticare una delle prime regole che permette di evitare la diffusione di parassiti intestinali e che torna quindi nell’interesse nostro e del nostro cane.
  2. Introdurre nelle aree cani solo cani microchippati e registrati all’anagrafe canina: tutti i cani di proprietà dovrebbero essere denunciati, ma è sempre meglio specificarlo. Se hanno anche una medaglietta con nome dell’animale e numero di telefono del proprietario è ancora meglio: sarà più facile per chi lo trova restituirvelo e per voi riaverlo.
  3. Introdurre solo cani vaccinati e trattati contro parassiti interni ed esterni: è un consiglio che vale per tutti gli spazi verdi frequentati da animali e non solo per le aree comunali: ne va della salute del vostro cane.
  4. Non introdurre animali malati o convalescenti: oltreché potenziali vettori di germi per gli altri sono più a rischio di contrarre malattie diverse da quella di cui già soffrono perché più fragili.
  5. Evitare di introdurre nelle aree cani in calore: stimolerebbero la normale aggressività degli altri cani col rischio concreto che si scatenino zuffe e che qualcuno venga morso. Se proprio dovete scegliete momenti di scarsa affluenza o fate sterilizzare la vostra cagnolina.
  6. Non introdurre cani aggressivi: per lo stesso motivo bisognerebbe evitare anche di introdurre cani con problemi comportamentali. Se il vostro cane è notoriamente aggressivo limitate l’accesso alle aree frequentate da altri cani a momenti in cui non c’è nessuno e cercate al più presto un aiuto per rieducarlo alla vita sociale.
  7. Entrare e uscire dalle aree cani con l'animale al guinzaglio e la museruola a disposizione: prima di usufruire di aree pubbliche i cani dovrebbero essere educati all’uso di guinzaglio e museruola in modo che non vivano il loro uso come una punizione. Una volta entrati i cani possono essere liberati ma solo se sono tranquilli e rispondo ai vostri richiami. I cancelli delle aree devono essere sempre richiusi alle proprie spalle dopo il passaggio.
  8. I cani devono essere sempre sotto il controllo del proprietario (che deve stare all'interno dell’area insieme all'animate).
  9. Anche i bambini, nelle aree cani, devono sempre essere sotto la supervisione di un adulto: non lasciate mai incustoditi bambini nelle aree in cui i cani possono giocare e stare liberi: sia gli uni che gli altri possono avere comportamenti imprevedibili. Non tutti cani sono abituati alla presenza dei bambini e alla loro vivacità. È importante quindi educare al più presto i propri bambini al corretto rapporto coi cani e gli altri animali e non dare per scontato che i cani degli altri tollerino la presenza dei nostri figli.
  10. Evitare che il cane abbai in modo prolungato e ripetitivo: può costituire un disturbo alla quiete degli altri cani e rendere sgradita la presenza delle aree cani nel verde cittadino.

photo credit: Gryphes via photopin cc

Atenzione alle zuffe

Nei luoghi pubblici in cui sono presenti diversi cani una zuffa può sempre capitare nonostante tutte le accortezze che noi o gli altri proprietari possiamo adottare. Di solito tutto si risolve richiamando gli animali se questi sono ben edicati. Se ciò non dovesse accadere cercate di distrarli con uno stimolo esterno (rumore forte, fischio, giocattoli, oggetti interposti), ma non intervenite mai direttamente mettendovi in mezzo.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI