Come capire se il cane è sordo

Guida Guida

La sordità in un cane è un problema molto serio poiché toglie all’animale uno dei sensi più importanti rendendolo debole e insicuro. Riuscire ad identificarla è quindi fondamentale per cambiare il nostro approccio all’animale ma anche per provare a risolvere il problema. Molte cause di sordità possono essere infatti rimosse, restituendo al cane il suo udito. Ma è importante capirlo al più presto possibile. Questa guida ti svela due test che puoi fare a casa

La medicina veterinaria ha fatto passi da gigante negli ultimi decenni tanto che oggi molti degli animali di affezione possono venir trattati per patologie per cui, in passato, si poteva ricorrere solo all’eutanasia. Il risultato più tangibile di questo progresso è l’allungamento della vita media dei nostri pet. Il rovescio della medaglia è che così vediamo sempre più spesso cani, gatti e altri amici pelosi con tutti gli acciacchi dell’età.

Prendiamo i cani, ad esempio. Benché la loro vita media sia aumentata, resta pur sempre molto inferiore alla nostra. I processi di crescita e invecchiamento del loro organismo sono molto più veloci. È come se il tempo scorresse molto più in fretta. E così, nel giro di 15-18 anni, li vediamo passare da cuccioli pieni di risorse ed energia a cui si fatica a stare dietro a "nonnini" con tutti i limiti motori e sensoriali degli anziani umani che faticano a tenere il passo.

La sordità

Uno dei problemi più frequenti del cane anziano è la sordità. Si tratta di un disturbo da non sottovalutare perché il cane, oltre a non sentire più bene i nostri richiami, può diventare molto insicuro e diffidente, per cui anche il nostro approccio deve modificarsi per evitare di spaventarlo scatenando reazioni aggressive o difensive immotivate.

Le cause

La sordità senile è dovuta ai processi di invecchiamento delle strutture deputate alla ricezione dei suoni che si trovano nell’orecchio o alla loro elaborazione (sistema nervoso).

Le stesse strutture possono essere danneggiate, però, anche da processi infettivi o eventi traumatici (scoppi o rumori molto violenti, perforazione del timpano diretta da corpo estraneo). In questo caso posso venir colpiti pure animali giovani altrimenti sani.

La sordità può essere dovuta, infine, a malattie genetiche e in questo caso è presente fin dalla nascita.

Non tutte queste cause portano a sordità ad entrambe le orecchie o con lo stesso livello di gravità. È bene però sapere che rimuovendole si può spesso risolvere o migliorare il problema. Se si sospetta che il proprio cane non ci senta bene a entrambe le orecchie è bene quindi rivolgersi al più presto al proprio veterinario.

Vediamo quindi come fare a capire se il nostro cane ha problemi di udito con un paio di “test” domestici.

Test 1

Mettetevi alle spalle del vostro cane e provate a chiamarlo per nome, prima e bassa voce e poi via via con più forza, se non dovesse voltarsi. Potete provare anche agitando la confezione dei suoi biscotti preferiti o con uno dei suoi giocattoli se ne ha uno che produce suoni.

Sono tutti richiami a cui difficilmente un cane può resistere se li sente. Viceversa se non si volta o non si volta subito potete pensare che il vostro cane abbia problemi di udito. Ma già il fatto che vi lasci avvicinare alle sue spalle di soppiatto senza dare nessun segno di essersene accorto è abbastanza sospetto.

Test 2

Mettetevi sempre alle spalle del vostro cane e provate a produrre un rumore molto forte e improvviso, come lo scoppio di un palloncino o di un sacchetto di carta.

  • Se fa un balzo altrettanto improvviso è probabile che non abbia problemi di udito o che siano leggeri.
  • Se invece si volta senza grande spavento è possibile che il suo udito sia molto ridotto.
  • Se infine non si volta la sua sordità è probabilmente completa. 

Si tratta comunque di una prova da non fare se non avete un motivo più che fondato per sospettare che il vostra cane non ci senta, perché questi rumori possono risultare davvero fastidiosi, terrorizzanti e addirittura essi stessi lesivi per un orecchio sensibile come quello dei cani sani.

Sarebbe quindi meglio decidere di provarlo solo se il test precedente vi avesse dato prova di sordità e voleste un’ulteriore conferma prima di rivolgervi al veterinario.

In alternativa, si può ricorrere all’esperienza personale: vivendo col cane vi sarà capitato quasi sicuramente di vederne le reazioni in occasione di un forte rumore (un coperchio che cade sul pavimento un petardo, ecc.) in tempi recenti. Con un po’ di fortuna (e di memoria) non è quindi indispensabile riprodurre l’evento.

Photo © mariiya - Fotolia.com

 

Dalmata più a rischio

Alcune razze di cane come i dalmata e altre chiazzate risultano più predisposte a sviluppare sordità in età avanzata. Se il vostro cane appartiene a una di queste è meglio sottoporlo a visite periodiche dal veterinario per il controllo dell’udito.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI