Come cucinare per la terza età

Guida Guida

Dopo aver visto come fare la spesa vediamo come cucinare al meglio per la terza età. Il tema è varietà e gusto.

Cucinare per la terza età non è molto diverso dal cucinare per adulti di qualsiasi età, anzi è bene fare una premessa importante.

  • L'alimentazione corretta per la terza età deve iniziare fin da giovani, perchè uno stile di vita salutare porterà i suoi benefici quando l'età avanza e, al contrario, uno stile di vita sbagliato avrà le sue conseguenze negative a lungo termine, cioè quando iniziano dei cambiamenti fisiologici che rendono più difficile anche rimediare alle sregolatezze.

Per star bene nella terza età bisogna iniziare fin da giovani. Le buone abitudini alimentari, il movimento e l'attenzione alla propria salute sono le basi del benessere tutta la vita.

Quindi se abbiamo una mamma, una nonna, un compagno, un'amica, una suocera o una zia da accudire, possiamo cucinare le stesse cose che cuciniamo per noi, sempre che anche noi seguiamo un'alimentazione sana ed equilibrata. Rinunciamo solo a quello che ci fa male.

In particolare, per la terza età, dobbiamo ricordare

  • l'importanza della varietà

perchè spesso le persone anziane, soprattutto se vivono da sole, tendono a lasciarsi andare e ad impigrirsi, consumando pasti sempre uguali, poco variati, dove scarseggiano alcuni elementi che invece sono importanti.

Tra gli elementi che non devono mancare nell'alimentazione della terza età:

  • Vitamine A, B, C, D, E, H, K tutte presenti negli alimenti proteici, nelle verdure, nella frutta, nelle verdure
  • fibre
  • calcio, importante per contrastare l'osteoporosi
  • ferro e oligoelementi come ad esempio il selenio
  • proteine nobili che si trovano nella carne bianca, nel pesce azzurro, nelle uova, nei legumi
  • carboidrati

I cibi da limitare nella terza età :

  • cibi troppo elaborati e grassi
  • carni rosse
  • formaggi grassi e stagionati
  • grassi animali
  • sale
  • dolci elaborati e troppo calorici

In generale quindi sarà importante cucinare piatti sempre variati limitando l'uso di grassi e sale, ma arricchendo il sapore con le spezie.

Preferire sempre le cotture semplici, quelle al vapore e limitare al massimo fritti, snack, alcool e zuccheri complessi.

Uno schema utile può essere il seguente:

  • Colazione variata: latte e caffè o thè con biscotti oppure fette biscottate con miele o marmellata o yogurt con cereali
  • Spuntini: frutta o yogurt o del the o tisana con un biscotto
  • Pranzo o cena: un primo piatto asciutto di pasta o riso, oppure una minestra di legumi, della carne bianca o del pesce, uova o formaggi freschi, accompagnando sempre con contorno di verdure e frutta di stagione.

Le porzioni destinate alle persone della terza età devono essere misurate perchè anche il fabbisogno calorico diminuisce con l'età, ma tutti i nutrienti devono essere presenti.

  • Se ci sono particolari problemi nella masticazione possiamo ridurre in crema o in purea i cibi solidi e aggiungere del brodo vegetale.
  • Bene la frutta cotta ma non dovrebbe sostituire completamente il pasto.
  • In caso di particolari patologie sarà sempre il medico curante a consigliare gli alimenti specifici da includere o escludere dall'alimentazione.
  • Se si beve poco, aumentare i liquidi anche attraverso i pasti con brodi, minestre, succhi naturali, etc.

photo credit: © Andrey Kiselev - Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Cucina e ricette
SEGUICI