Come realizzare sacchetti profumati per l'armadio con il riuso

Guida Guida

Fai-da-te creativo e sostenibile: creazione di sacchetti per gli armadi

I sacchetti per gli armadi tengono lontano il cattivo odore che vi si accumula e donano una piacevole sensazione al guardaroba e agli abiti. Possiamo realizzare i sacchetti per gli armadi in casa, attraverso il riuso di alcuni materiali che sono presenti in tutte le abitazioni.

Per farli partiamo da alcuni vecchi strofinacci: il cotone leggero e il lino che in genere vengono utilizzati per gli strofinacci per la cucina sono la stoffa ideale per far filtrare il profumo. Prendiamo i nostri strofinacci più vecchi, magari macchiati o con qualche buco, e usiamoli per realizzare un elemento gradevole per la casa, ideale anche per qualche regalino.

Strofinacci che si trasformano in sacchetti profumati per gli armadi

Nelle parti non danneggiate degli strofinacci, ritagliamo dei rettangoli lunghi, che andremo a piegare su loro stessi e a cucire sui lati, il fondo sarà costituito dalla piega.

Per chiudere i sacchettini, usiamo dei nastri di stoffa ricavati dagli strofinacci, uppure della semplice lana grossa che abbiamo in casa.

Il sacchettino è fatto, ma va riempito. Un classico della profumazione per gli armadi è la lavanda, che possiamo acquistare fresca e far seccare in cantina, poi sbriciolare nei sacchetti per una profumazione naturale che durerà un anno. La sua freschezza non è solo piacevole, ma tiene lontane le tarme, un motivo in più per sceglierla.

Attivare la lavanda

La lavanda può essere "riattivata" l'anno successivo con una goccia di olio essenziale, così da non gettare via i sacchetti ma riutilizzarli ancora nel nostro armadio.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI