Detrazioni fiscali del 50% per giardini pensili e tetti verdi

Guida Guida

Per la costruzione di giardini pensili e tetti verdi e incentivare il risparmio energetico sono previste detrazioni fiscali fino al 50%. 

Buone notizie per gli amanti del verde: da oggi si potrà usufruire delle detrazioni fiscali per la costruzione di giardini pensili e tetti verdi. Le agevolazioni riguardano dunque anche tutti quei lavori di miglioramento delle prestazioni energetiche delle unità immobiliari legate alla trasformazione del lastrico solare.

Questa opportunità nasce dalla delibera dedicata al verde pensile emanata su iniziativa del Comitato per lo Sviluppo del Verde Pubblico lo scorso 14 aprile 2014 in merito all’art. 3 della recente legge 10/2013.

Tale delibera rappresenta un segno tangibile per promuovere la creazione di tetti verdi facendoli divenire delle strutture dell'involucro edilizio atte a produrre risparmio energetico.

Proprio gli spazi verdi urbani sono, infatti, in grado di favorire il risparmio energetico, l'assorbimento delle polveri sottili e la riduzione dell'effetto “isola di calore”.

Teodoro Georgiadis, dell'Istituto di biometeorologia (Ibimet) del Cnr di Bologna" in un articolo dell'Almanacco della scienza, il quindicinale del Consiglio Nazionale delle Ricerche, sostiene che la delibera segna un momento importante per la crescita di spazi verdi urbani: «Essa apre la strada a interventi sulla “pelle” degli edifici, quali la realizzazione di giardini pensili e di tetti verdi».

Da diverso tempo l'Ibimet-Cnr porta avanti degli studi per creare una cultura della mitigazione bioclimatica dell'ambiente urbano, interagendo con le pubbliche amministrazioni e con associazioni di settore, come l'Associazione italiana verde pensile (Aivep).

La legge 10/2013 offrirà la possibilità di sfruttare spazi come tetti e terrazzi che agevoleranno una penetrazione più ampia di questo sistema, con conseguenti benefici sulla qualità di vita in città.

Foto © alisonhancock - Fotolia.com

Il testo del Ministero

Per consultare il testo completo della delibera del Ministero dell'Ambiente clicca qui
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI