Come si combatte la vivisezione: la chiusura di GreenHill

Guida Guida

L'allevamento di Green Hill è stato sequestrato e chi combatte la vivisezione canta vittoria: perché e come è avvenuto questo importante passo in avanti contro la vivisezione?

La lotta alla vivisezione ha fatto un grande passo avanti in Italia negli ultimi giorni: l'allevamento di Green Hill è stato chiuso.

Green Hill ha rappresentato per moltissimo tempo un obiettivo importante per chi si oppone all'uso degli animali per test di laboratorio: infatti l'azienda allevava cani Beagle per cederli ai laboratori di analisi che li utilizzavano per i propri test.

Gli ispettori del Corpo Forestale dello Stato si sono presentati per una perquisizione presso l'azienda in provincia di Brescia, dopo la denuncia presentata dalla LAV, la lega anti vivisezione, e hanno verificato le irregolarità nella cura degli animali.

Vivisezione in Italia, come combatterla: il caso Green Hill

Bisogna chiarire che la denuncia riguardava le condizioni di allevamento degli animali, incompatibili con le leggi italiane, e non lo scopo ultimo dell'azienda, ovvero la vivisezione: la LAV nella propria denuncia sosteneva che i Beagle erano custoditi e allevati in condizioni intollerabili. Ad esempio, i Beagle, per le proprie caratteristiche, hanno bisogno di vivere all'aria aperta perché sono segugi e questo era loro negato ogni giorno.

Durante la perquisizione sono sorti inoltre dei dubbi sull'assegnazione dei cani ai laboratori, destinati solo a laboratori per test medici o anche cosmetici?

Il sequestro di Green Hill segna una tappa importante nella lotta alla vivisezione in Italia e, se i reati ipotizzati fossero confermati, l'azienda potrebbe essere chiusa definitivamente.

L'attesa delle conseguenze dopo avere intrapreso le vie legali, attraverso la denuncia della LAV, è stata lunga, ma ha portato al risultato atteso e ci indica la strada da intraprendere se dovessimo scoprire situazioni simili, anche di piccole dimensioni.

Irregolarità negli allevamenti

Se constatiamo irregolarità in un allevamento vicino a noi possiamo seguire due strade: contattare direttamente la forza pubblica per segnalare la situazione, oppure rivolgerci ad associazioni nazionali riconosciute.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI