Come ha influito l'abolizione delle borse di plastica sull'ambiente

Guida Guida

I sacchetti di plastica sono spariti dalla circolazione, dove sono andati e cosa è cambiato nella nostra quotidianità?

Dall'inizio del 2011 le borse di plastica usa-e-getta non possono essere più vendute dalla grande distribuzione italiana. Questo passo avanti nell'attenzione verso l'ambiente nel nostro Paese ci deve rendere orgogliosi e allo stesso tempo proiettati verso un futuro ancora più green.

Che cosa è cambiato nella nostra vita quotidiana ora che trovare una "shopper" di plastica è molto più difficile?

I cambiamenti dopo l'abolizione della shopper usa-e-getta

Molti si sono equipaggiati con comode e capienti borse non usa-e-getta, con le quali fanno la spesa senza inquinare. Altri hanno dato spazio alla propria creatività, realizzando personalmente delle shopping bag di tessuto per loro e da regalare. L'alternativa se abbiamo dimenticato la borsa riutilizzabile a casa c'è ed è la borsa compostabile che troviamo alla cassa di tutti i supermercati, che va benissimo anche per gettare via la spazzatura, sia generica che l'umido.

Inoltre portare sempre con sè una borsa di stoffa o di plastica riutilizzabile ci ha fatto dire molti più no alla domanda "Vuole il sacchetto?" anche nei negozi che utilizzano ancora borsine di plastica oppure di carta, che molto spesso si pagano: un vantaggio per l'ambiente ma anche per il portafoglio!

Insomma, i cambiamenti possono spaventare, ma sono altre le rivoluzioni che cambiano la vita.

Il tutto è avvenuto a vantaggio dell'ambiente: da più di un anno e mezzo in Italia il consumo dei sacchetti di plastica è calato drasticamente. Migliaia di miliardi l'anno di sacchetti di plastica vengono prodotti nel mondo e l'Italia si è dimostrata in grado di affronatare il problema al meglio, anticipando il provvedimento reso obbligatorio in Europa qualche mese dopo.

Dai piccoli cambiamenti hanno origine grandi iniziative e allora perché non puntare più in alto ora, ad esempio alla raccolta differenziata totale?

Raccolta senza sacchetti in estate

La raccolta differenziata dell'organico può generare problemi in estate, quando vengono consumati frutti molto succosi, come ad esempio il melone, che potrebbero deteriorare velocemente il sacchetto compostabile. Per eliminare questo problema, poniamo un foglio di carta assorbente (da carta riciclata) sul fondo del sacchetto e lasciamo scolare la scorza del frutto nel lavandino prima di porla nel sacchetto.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI