Come viaggiare in aereo in maniera sostenibile

Guida Guida

Viaggiare in aereo non è per nulla ecosostenibile, ma ci sono piccoli accorgimenti che puoi seguire per limitare l’inquinamento anche su un volo aereo.  

Ogni anno in vista di ponti, festività e vacanze estive milioni di persone si mettono in viaggio riversandosi negli aeroporti per le raggiungere le destinazioni più svariate: dalle città d’arte alle mete esotiche, dalle grandi metropoli alle spiagge incontaminate di paradisi balneari.

Tutto ciò ha un impatto devastante sull’ambiente perché l’aereo è uno dei mezzi di trasporto più inquinanti in assoluto: è stato calcolato infatti che provoca il 10% dell’effetto serra globale. Basti pensare che un volo tra Europa ed Asia equivale in emissione di CO₂ addirittura due anni di guida automobilistica per ogni passeggero, per cui almeno finché non si deciderà di investire in eco-carburanti sarà bene scegliere mezzi di trasporto alternativi laddove è possibile farlo.

Tieni presente che gli aerei commerciali sono alimentati da cherosene, un carburante di origine fossile e rilasciano nella troposfera, ad un'altezza variabile tra gli 8 e i 13 km, degli ossidi di azoto che si ossidano nell'ozono troposferico.

In totale gli aerei commerciali generano 600 milioni di tonnellate di CO₂ l'anno, cioè ben il 3% delle emissioni mondiali di CO₂. Combinando i due tipi di emissione si arriva ad un possibile 10% di effetto serra.

Cosa si può fare allora per rendere il trasporto aereo più sostenibile? Certamente se ti devi spostare tra Roma e New York non potrai che scegliere un volo continentale ma per spostamenti di breve tratta, ad esempio Roma e Milano, sarebbe una scelta più saggia viaggiare in treno.
Oltre dunque a limitare gli spostamenti in aereo cerca di preferire i voli diurni e quelli estivi-primaverili a quelli notturni ed invernali infatti, secondo una recente ricerca, le tratte aeree by night e quelle al freddo inquinano maggiormente l’aria.

Tra un volo diretto ed uno multi-scalo prediligi sempre il primo perché gli aerei bruciano più carburante durante le fasi di decollo e atterraggio, che tra l’altro sono anche le più pericolose. Si stima infatti che voli più lunghi, superiori alle sei ore, emettano, rispetto a quelli brevi, solo i due terzi di anidride carbonica per chilometro dunque evita di fare troppi scali.

Lo sapevi poi che anche usare il bagno in aereo può essere parecchio dispendioso in termini di inquinamento ambientale?

A 10 mila metri di quota, per tirare lo sciacquone si sprecano quasi 0,75 litri di cherosene e si consuma una quantità di anidride carbonica pari a quella che consumerebbe un’automobile per percorrere 10 km.
Insomma se ti è possibile, in particolare nelle tratte brevi, aspetta di essere in aeroporto per andare in bagno.
Infine se proprio non puoi fare a meno di prendere l’aereo perché sei un frequent flyer per lavoro, devolvi almeno i tuoi crediti di carbonio finanziando dei programmi ecologici internazionali: trovi una lista aggiornata sul sito Climatefriendly.com


Foto © sdecoret - Fotolia.com

 

All inclusive, no grazie

Preferisci viaggiare in aereo prenotando con la formula fai-da-te o affidandoti a tour operator eco-oriented piuttosto che acquistare i pacchetti all inclusive: spesso in questa formula è inclusa anche una buona dose di inquinamento!
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI