A Parigi la ventunesima Conferenza sul Clima

Guida Guida

Dal 30 novembre all’11 dicembre, Parigi ospita la XXI Conferenza sul Clima: i grandi della Terra si riuniranno per trovare un accordo sul clima. 

A Parigi, il 30 novembre 2015, viene inaugurata la ventunesima Conferenza sul Clima (COP 21), chiamata anche Parigi 2015.

La COP21, sarà una delle più importanti conferenze internazionali organizzate per discutere dei problemi climatici.

Questa conferenza è organizzata secondo quanto stabilito dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), un trattato ambientale creato dalla Conferenza sull'Ambiente e sullo Sviluppo delle Nazioni Unite (UNCED), anche conosciuta come Summit della Terra, tenutasi a Rio de Janeiro nel 1992.

La Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) è un trattato internazionale che punta alla riduzione delle emissioni dei gas serra, sulla base dell'ipotesi di riscaldamento globale.

I grandi della Terra, riuniti nella capitale francese, si prefiggono di concludere, per la prima volta in oltre 20 anni di mediazione da parte delle Nazioni Unite, un accordo vincolante sul clima che sia universalmente accettato da tutte le nazioni.

Per due settimane, la Francia accoglierà migliaia di delegati e osservatori cercando di facilitare il dialogo tra tutti i partecipanti, in modo da stabilire un clima di fiducia reciproca al fine permettere l’adozione di un accordo all’unanimità sul clima che limiti il riscaldamento globale sotto i 2 ° C.

Quello che si vuole raggiungere è un accordo ambizioso per la sfida del cambiamento climatico e vincolante per tutte le nazioni che vi aderiranno: ogni paese dovrà poi rispettare e compiere dei contributi nazionali (iNDC).

Una componente fondamentale della COP 21 sarà poi il finanziamento della lotta al cambiamento climatico, la cui prima tappa è stata raggiunta con l’istituzione del Fondo verde attraverso lo stanziamento di una somma di 9,3 miliardi dollari, di cui quasi un miliardo proveniente dalla Francia.

Foto www.rinnovabili.it

Stati firmatari dell'UNFCCC

Gli stati firmatari dell'UNFCCC sono suddivisi in tre gruppi ovvero Paesi industrializzati, Paesi industrializzati che pagano per i costi dei Paesi in via di sviluppo e Paesi in via di sviluppo.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI