Rhu, le capanne IKEA per i rifugiati

Guida Guida

Per aiutare i rifugiati che vivono nelle tendopoli di tutto il mondo IKEA ha ideato RHU, le capanne che funzionano a energia solare offrendo calore e riparo.

Ikea corre in aiuto di migliaia di rifugiati costretti a vivere nelle tendopoli offrendo ripari resistenti e confortevoli: si tratta di RHU, Refugee Housing Unit, una capanna che regala calore e protezione sfruttando l’energia solare.

L’iniziativa è partita da Ikea Foundation, il settore di Ikea dedicato alle azioni no profit, in collaborazione con l’Unhcr, l’agenzia che si occupa dei profughi per conto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.

RHU è una costruzione pratica e leggera, di 18 metri quadrati, munita di due porte e una copertura in grado di assorbire calore durante il giorno e di rilasciarlo durante le notte, quando le temperature si abbassano per la forte escursione termica.

Sul tetto di queste unità abitative sono presenti dei pannelli fatti della stessa plastica usata per la costruzione delle porte mentre il materiale che riveste la casa è un polimero chiamato Rhulite.

Questo materiale, durante il giorno, consente alla luce di penetrare all’interno della capanna senza però mostrare, durante la notte, le ombre che si creano a seguito dell’illuminazione proveniente da una lampada alimentata dai pannelli solari.

Le capanne Rhu, facili da trasportare perché molto leggere e semplici da montare, sono disponibili in scatole FlatPack ma purtroppo hanno ancora un costo elevato per la produzione che è di circa 7 mila dollari: Ikea sta cercando delle soluzioni per contenere questa cifra.

Lo scorso agosto IKEA ha installato 13 capanne Rhu nella savana etiopica presso il campo profughi di Kobe, ma si prevede di donarne molte altre altrove come ad esempio nei campi profughi del Sudan

L’obiettivo è di sostituire le tradizionali tende da campo con queste strutture perché ci si è resi conto che le tende da campo non resistono a lungo al duro clima africano al contrario delle capanne Rhu che sono state progettate per durare fino a tre anni.

Foto © poco_bw - Fotolia.com

I rifugiati in tenda

Secondo l'Unhcr sono circa 3,5 milioni i rifugiati che vivono ancora nelle tende senza corrente elettrica e in balìa delle intemperie del clima.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI