WildLeaks per denunciare i crimini ambientali

Guida Guida

WildLeaks è la prima piattaforma mondiale online per le segnalazioni anonime legate ai crimini ambientali contro la fauna e la flora selvatica

Alcune organizzazioni ambientaliste hanno dato vita a WildLeaks, il sito online dove segnalare in forma anonima i crimini ambientali contro la fauna e la flora selvatica.

La piattaforma mondiale WildLeaks prende spunto da Wikileaks, l'organizzazione internazionale senza scopo di lucro che riceve in modo anonimo documenti coperti da segreto di Stato o militare o industriale o bancario.

WildLeaks consente a utenti anonimi di segnalare casi di bracconaggio, traffico illegale, disboscamento selvaggio e tutti gli altri crimini che si verificano nelle zone in cui è pericoloso denunciarli

Sul sito si possono caricare documenti, foto e video in modo sicuro e da remoto usufruendo della rete di anonimato Tor: i file vengono crittografati durante ogni fase assicurando così al 100% l'anonimato.

WildLeaks una volta ricevute le informazioni anonime, valuta se trasformarle in documenti utilizzabili: l'informazione ricevuta è vagliata da professionisti esperti, giornalisti investigativi ed ex ufficiali delle forze dell'ordine usando sofisticate tecnologie e una vasta rete di contatti.

L’intento dei fondatori di WildLeaks è di agevolare le azioni di l’identificazione, l'arresto e la condanna di criminali, trafficanti, uomini d'affari e funzionari governativi corrotti che praticano il bracconaggio di specie minacciate nonché il traffico di fauna selvatica e prodotti forestali come l'avorio, il corno di rinoceronte, i grandi felini, le scimmie, i pangolini, gli uccelli e il legname illegale.

Come spiega Andrea Crosta, Project Leader di WildLeaks e co-fondatore di Elephant Action League, purtroppo i crimini contro la fauna selvatica spesso passano inosservati e restano impuniti: in questo senso invece l’azione degli informatori può essere cruciale nella lotta alla giustizia.

Foto Credit © lienkie - Fotolia.com

Un mercato florido

Il mercato dei crimini ambientali frutta ben 19 miliardi di dollari, un traffico battuto solo da quello della droga, della contraffazione e di esseri umani
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI