Come e cosa fare se i figli fumano

Guida Guida

Quasi sempre scoprire che i figli fumano è una doccia fredda per noi genitori. Ma cosa fare per farli smettere? Lo sanno che la nicotina è un pesticida?

Il fumo è una delle dipendenze rispetto alle quali prima o poi un genitore deve confrontarsi con i propri figli adolescenti. La casistica è la più svariata.

  • Ci sono ragazzi di genitori fumatori che odiano a tal punto il fumo da diventare i paladini delle campagne antitabacco, sia in casa che con gli amici.
  • Ci sono figli di genitori fumatori, che iniziano a fumare, come abitudine naturale appresa in famiglia.
  • Ci sono figli di non fumatori che iniziano a fumare per spirito di gruppo con gli amici, per curiosità, per spirito di contraddizione, per noia, per timidezza, per imitazione.

Insomma, i motivi per cui un ragazzo inizia a fumare possono essere i più svariati, ma il punto non è tanto il come e il perché inizia, quanto piuttosto riuscire a farlo smettere. Come sappiamo tutti infatti, e chi fuma lo sa meglio degli altri, il fumo genera dipendenza fisica e anche psicologica.

E' la dipendenza dalla nicotina che rende difficile smettere, una volta che si è iniziato.

D'altra parte il fumo, anche se negli ultimi anni viene contrastato da divieti e massicce campagne antitabagismo, a differenza di altre forme di dipendenza è in qualche modo accettato socialmente, come l'alcol.
Il tabacco viene venduto liberamente, lo Stato incassa dei proventi dalla sua vendita e questo contesto rende difficile poterlo percepire come realmente dannoso.

Alcuni ragazzi, dopo aver provato, trovano il fumo talmente schifoso che se ne allontanano rapidamente in modo spontaneo. Ma ci sono altri ragazzi che invece, superano il disgusto iniziale e diventano fumatori abituali.

  • Gli spauracchi dei danni che il fumo provoca alla salute, risultano poco efficaci per convincere i ragazzi a smettere di fumare. Il motivo è che è difficile per un adolescente, percepire il pericolo concreto di qualcosa che potrebbe dare i suoi effetti a distanza di anni.
  • Anche negli adulti fumatori, a quanto sembra, la consapevolezza dei rischi per la salute, non sono deterrenti sufficienti a smettere, nella maggior parte dei casi.

Per aiutare i nostri figli a non fumare possiamo intanto smettere anche noi, se fumiamo, e provare a far leva su alcuni elementi molto concreti e immediatamente efficaci come ad esempio:

  • il costo delle sigarette,
  • gli effetti spiacevoli che lascia il fumo all'alito, ai vestiti, alla pelle,
  • all'immagine sociale negativa che hanno i fumatori, soprattutto nell'ambiente lavorativo
  • ai danni che il fumo provoca all'attività sportiva, alle prestazioni agonistiche e anche alla vita sessuale

Possiamo affrontare con loro l'argomento dipendenze in senso generale, cercando di entusiasmarli intorno al concetto di autodeterminazione, indipendenza, salute, efficienza fisica e mentale. Tutti elementi compromessi in un fumatore.

  • Una cosa che è importante sapere è che quando si decide di smettere di fumare, il corpo reagisce per astinenza da nicotina con una serie di reazioni, tipiche delle dipendenze: tensione nervosa, crampi allo stomaco, iperattività, incapacità di concentrazione, etc. Ma fortunatamente già dopo 3 o 4 giorni l'astinenza comincia a perdere efficacia e dopo 1 settimana il corpo è libero dalla dipendenza fisica alla sostanza. Superata la dipendenza fisica, il corpo dovrà disintossicarsi e per non ricominciare occorre liberarsi anche della dipendenza psicologica.

In tutti i casi i divieti, le punizioni e un clima proibizionista, si rivelano totalmente inefficaci e anzi, possono fare in modo che i ragazzi nascondano il vizio del fumo e vengano sostenuti dal fascino del proibito.

Un metodo che possiamo consigliarvi e che si è rivelato molto efficace per smettere di fumare lo potete trovare nel libro "E' facile smettere di fumare se sai come farlo", scritto da Allen Carr, un ex fumatore, che illustra con chiarezza e concretezza il contesto di un fumatore e il modo di uscirne.

  • Nel libro potete trovare un elemento chiave: la nicotina è un pesticida, che veniva utilizzato in agricoltura, negli Stati Uniti, come diserbante e antiparassitario. L'industria del tabacco decise di utilizzarla nella fabbricazione, dopo aver scoperto che negli operatori che spargevano la nicotina, si generava dipendenza.

photo credit: James Alby via photo pin cc

Lo sport

Lo sport e l'attività all'aria aperta può essere un ottimo deterrente del vizio del fumo 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI