Come gestire i primi amori degli adolescenti

Guida Guida

I primi amori degli adolescenti arrivano, come la primavera, all'improvviso. Ecco i consigli per gestire i primi amori degli adolescenti con il sorriso.

I primi amori degli adolescenti  sono un'esplosione simile all'arrivo della Primavera in natura, modificando spesso radicalmente anche l'umore, il comportamento e le normali abitudini.

Per noi genitori non sempre è facile da gestire questo insieme di pulsioni dei ragazzi che riguardano sia la sfera affettiva, sia quella sessuale, soprattutto se il rapporto con i nostri figli non è positivo. Allo stesso tempo non è facile conciliare la rivoluzione con le regole.

  • Per prima cosa cerchiamo di riconnetterci con la nostra adolescenza, di ricordare le emozioni che abbiamo provato noi alla loro età, i nostri desideri, i nostri entusiasmi, le paure, le insicurezze.
  • Sforziamoci di guardare al mondo dal punto di vista dei nostri figli.
  • Manteniamo aperto il dialogo o recuperiamolo, se strada facendo abbiamo perso il contatto con i nostri figli.
  • Rispettiamo il bisogno di autonomia, di indipendenza e autodeterminazione, ma allo stesso tempo ricordiamoci di essere degli educatori e delle guide.

I primi amori per gli adolescenti sono l'occasione per sperimentare la loro affettività al di fuori della famiglia e anche delle amicizie consuete. E' una delle prime occasioni in cui "lui" o "lei" diventano le figure primarie del loro mondo interiore e del loro quotidiano, sostituendo quella del padre e della madre.

  • Eccitazione, inappetenza, insonnia, cambiamenti repentini di umore, depressione, sono solo alcuni dei sintomi che accompagnano l'innamoramento.
  • Insicurezza, senso di inadeguatezza, bisogno di sfuggire al controllo, desiderio di affermazione, reazioni esasperate, sono altrettanti sintomi che possono manifestare gli adolescenti.

L'obiettivo di noi genitori deve essere quello di accompagnare e guidare i nostri figli verso l'età adulta, mantenendo l'equilibrio là dove tutto sembra ondeggiare.

Occorre rimanere aperti al dialogo, ascoltare ed essere disponibili senza cadere nella trappola di risultare invadenti o indagatori.  

Vietare è la strada migliore per ottenere una reazione esasperata e spesso il modo migliore per costringerli a mentire. D'altra parte essere troppo permissivi lascia i nostri figli senza un binario a cui fare riferimento.

  • L'educazione sentimentale è importante quanto l'educazione sessuale e prima affrontiamo questi aspetti fondamentali dell'esistenza, più facile sarà per i nostri figli avere dei punti di riferimento al momento giusto.

E ricordiamo sempre una parola magica: sdrammatizzare.

photo credit © Klaus-Peter Adler - Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI